Concorso piccoli giornalisti crescono. Sogno di Pace

di Luisana de Cosimo – “La politica se non è vissuta come servizio alla collettività umana da coloro che la esercitano, può diventare fonte di distruzione”.
I media, al giorno d’oggi non fanno che divulgare notizie riguardanti popolazioni in guerra per cause prettamente politiche ed economiche; Guerre che privano ogni singolo individuo dei propri diritti inviolabili e che portano alla morte tantissimi civili.
Per la 52° giornata della della pace, il giorno 1 Gennaio 2019, risuona nel Vaticano il messaggio di Papa Francesco intitolato “La buona politica è al servizio della Pace”.
“Abbiamo bisogno di artigiani della Pace” afferma con tono severo il Santo Padre mettendo in evidenza che per il raggiungimento di quell’obbiettivo di pace, tanto desiderato, occorre un buon governo capace di non guardare ai propri interessi, ma a quelli dei cittadini e che guidi il proprio popolo verso la luce,
senza lasciare indietro nessuno, facendo in modo che non ci siano né vittime, né carnefici.
La voce del Papa che ha scelto per se il nome del poverello d’Assisi, urla ancora quasi a voler scuotere con le proprie mani le coscienze di chi, troppo occupato a fare i propri interessi non ha orecchie per i più bisognosi.
Successivamente ha spiegato che l’azione politica dell’uomo sulla Terra, quando è sostenuta dalla carità, contribuisce alla costruzione della città di Dio dove si è un’unica famiglia.
Papa Francesco conclude il suo discorso facendo riferimento alle fragilità umane che, possono trovare le loro risposte, nel “Magnificat” che Maria canta a nome di tutti gli uomini, nel quale si ricorda che la Misericordia di Dio è grande, ma solo per quelli che la temono….

Post recenti

Leave a Comment