Il dolce profumo della pace

image_pdfimage_print

Tutti parlano della pace. Pace come tema scolastico, Pace come qualcosa di bello, Pace come la salvezza. Ma in realtà, cos’è la Pace?

La Pace è come una dolce brezza che spazza via il fumo di una brutale guerra, è come il riposo dopo una lunga giornata ricca di fatiche, è come un appagamento dopo il lungo lavoro, è come la cenere che ci ha dato la vita, è come la quiete dopo la tempesta, è come il silenzio  che avvolge  la nostra mente confusa, che si strugge al ricordo di quella guerra sanguinosa, che ha portato in noi il male, facendo appassire il fiore della nostra vita, riempendoci di fuliggine, sporcando l’anima pura dei bambini che assistevano con i loro occhi pieni di speranza e innocenza a questo inutile spargimento di sangue, incontrando gli occhi dei soldati carichi d’odio e risentimento.  L’unico modo che abbiamo per sfuggire dalle grinfie della guerra che vuole trascinarci sul fondo con lei, è sperare. Dobbiamo sperare e credere in un mondo migliore. Possiamo farcela, possiamo essere noi i primi a fare la differenza, ma dobbiamo muoverci, e in fretta. Il nostro mondo sta crollando sulle nostre spalle. Siamo troppo deboli per sorreggerne il peso. L’unica via d’uscita è il dialogo. Diciamo tutto ciò che per orgoglio, o magari per timore dimentichiamo di dire. Se ognuno di noi imparasse a chiedere scusa, o semplicemente ad accettare i propri sbagli, porgendo la mano a colui che crediamo nemico, parlando e chiarendo divergenze di ogni genere, allora, e solo allora, il fuoco che divampa in tutti noi, ricomincerebbe a scaldare i nostri animi freddi, alimentato dalla pace, che come un vento di primavera, spazza via guerre e divergenze, lasciando in noi solo un senso di quiete. La pace è questa, non vuoi anche tu questo per il nostro mondo? Sbrigati, ogni secondo che passa, uno di noi viene schiacciato dal peso degli sbagli enormi che compiamo.

FABIANA CAPORUSSO – MARIA VERDE 3 O I.C. Foscolo-Gabelli di Foggia

Post recenti

Leave a Comment