18 anni in quarantena

image_pdfimage_print

E’ dal 5 marzo che non esco di casa. Trascorro le mie giornate seguendo le lezioni online e compiti, giocando a qualche videogioco, vedendo film e leggendo alcuni libri che ho appena acquistato.

Oggi è 25 marzo, il mio compleanno. E’ un 18 esimo che si ricorderà per tutta la vita. Possiamo dire che il coronavirus ha lasciato un bel segno…

I 18 anni sono un momento per festeggiare insieme ai propri coetanei, dove si capisce che da questo momento in poi si deve essere responsabili nel migliore dei modi. La famosa maggiore età dove si acquisiscono il pieno delle proprie facoltà, la patente di guida…

Sono una persona che non dialoga molto con gli altri tramite telefono, almeno fino a paco tempo fa. Anche io mi sono dovuta adeguare a questo modo di comunicazione. Le prime volte vedermi con la mia classe e i professori era imbarazzante, perchè rispondere ad una semplice domanda sentendo solo la propria voce nella stanza, era strano… Ma dopo poco ci ho fatto l’abitudine.

Penso che tutti ora capiamo veramente cosa sia la distanza e il rapporto tra noi esseri umani…

Sentire i miei amici e i professori, questa mattina, farmi gli auguri e cantarmi la canzoncina di buon compleanno, tramite video-chiamata, è stato qualcosa di molto bello ed emozionante… Qualcosa che non mi sarei aspettata tanto facilmente.

Prima di tutto questo avevo organizzato qualcosa da fare sia in famiglia e anche con gli amici. Tutto questo sarà rimandato ad un prossimo futuro, speriamo il prima possibile.

Ragazzi quello che posso solo dirvi è di stare a casa, di non annoiarvi molto, di utilizzare il vostro tempo facendo qualsiasi cosa… La situazione può variare in qualsiasi momento è dobbiamo cogliere e vivere ogni atto che ci può essere proposto, come il mio compleanno.

Post recenti

Leave a Comment