“Non scomodiamo Baudelaire” La raccolta di poesie di Daryoush Francesco Nikzad.

image_pdfimage_print

Per trovare l’amore, o fare un disastro. “Non scomodiamo Baudelaire” è la prima raccolta di poesie del 37enne italo-iraniano Daryoush
Francesco Nikzad, autore e scrittore di lunga esperienza a livello nazionale, tra cinema e teatro.
Un’opera prima che sarebbe dovuta uscire a febbraio 2020, ma la pandemia ha sconvolto i piani e
la sua pubblicazione è avvenuta lo scorso maggio. Daryoush è nato a Teheran e vive in Italia dall’età
di due anni, ha studiato Scienze Politiche e Comunicazione ed attualmente scrive per teatro,
cinema, narrativa e pubblicità. Collabora a un progetto editoriale innovativo di scrittura collettiva
con la casa editrice Nowhere Books, culminato in un romanzo sperimentale dal titolo “8 corde tese”
ed è autore di spettacoli teatrali che hanno calcato centinaia di palcoscenici in tutta Italia, come
“Bukowski – a night with Hank”, “Hamburger” e “to be or not to be Chaplin”, nonché di racconti
pubblicati sulla rivista “Crapula”, sulla raccolta “Racconti Pugliesi” e altre riviste online.
“Non scomodiamo Baudelaire” è il suo libro-esordio, alla cui realizzazione ha contributo Tutto Il
Nostro Sangue, la poliedrica rassegna musicale affezionata all’etica del diy che tra Milano e
Bergamo, ogni mese, dal 2017, spazia con le sue line up in termini di genere musicale proposto ed
in relazione alla provenienza dei musicisti coinvolti.
Da organizzatore di concerti a promotore di carta inchiostrata, ma con il medesimo obiettivo
da perseguire: supportare le produzioni inedite indipendenti e la condivisione tra artisti.
Le poesie erano nella testa di Daryoush e nei suoi quaderni da tempo, oltre un anno, ed a
trasformare appunti e idee in una raccolta ci ha pensato un bagno al tramonto, la scorsa estate,
in Puglia, che ha sancito la collaborazione con i curatori Tutto Il Nostro Sangue e ha reso i suoi
componimenti un progetto concreto, culminato nella stampa in 300 copie numerate a mano.
Il titolo della raccolta, “Non scomodiamo Baudelaire”, “è stata semplicemente una frase
illuminante pronunciata dal mio psicologo – racconta Nikzad a Foggia Città Aperta – appena l’ho
sentita ho pensato subito che potesse diventare il titolo del mio libro, era perfetta”.
L’opera è un libro di declino e amore, quest’ultimo, considerato dall’autore tema centrale del suo
esordio, tematica che “racchiude tutti i sentimenti, dal più bello ai più nefasti” perché “scrivere
d’amore significa rappresentare un po’ tutto l’animo umano. Io ho scritto per vedere la mia vita dal
di fuori e per cercare una vita che non esiste”.
Accompagnato dalla prefazione di Qwerty Project e dalla foto di copertina di Domenico
D’Alessandro, “Non scomodiamo Baudelaire” è disponibile sul canale Bandcamp di Tutto Il
Nostro Sangue, in alcune librerie sul territorio italiano oppure contattando l’autore tramite i suoi
profili social o via email. Per chi è della provincia di Foggia, Daryoush effettua la consegna a
domicilio della sua poesia, in bicicletta.
Tutto Il Nostro Sangue


Contatti
mail: tuttoilnostrosangue@gmail.com
social & bandcamp: https://linktr.ee/tuttoilnostrosangue
“Non scomodiamo Baudelaire” – Scheda del Libro
TITOLO: Non scomodiamo Baudelaire
AUTORE: Daryoush Francesco Nikzad
EDITORE: Tutto il nostro sangue edizioni
COLLANA: /
GENERE: Poesia
NUMERO DI PAGINE: 60
ISBN: 979-12-200-6219-0
QUARTA DI COPERTINA
“E poi arrivi tu
e facciamo quello che va fatto,
cambiamo il profumo alle rose
fermiamo l’auto in piena notte
andiamo a vivere sugli alberi.”
“Siano queste parole un toc toc sulla porta della vostra
indecisione, aprite “Non scomodiamo Baudelaire” per rimordere
la parola di universo senza verso, affinché un verso sia tutto il
vostro universo.” Qwerty Project
Daryoush Francesco Nikzad è nato a Teheran nel 1983. Vive in
Italia dall’età di due anni, ma non ha ancora trovato la sua casa.
Ha studiato Scienze Politiche e Comunicazione; attualmente
scrive per il teatro, cinema, narrativa e pubblicità. Lavora anche
come attore, bartender, cameriere, poeta, bagnino, benzinaio e
alzatore di gonne. Intervistato recentemente da se stesso,
dichiara: mi brucia lo stomaco.
ESTRATTO
Soffiami l’estasi nei polmoni,
baciami le ossa
e rimetti in piedi
questa carcassa d’uomo.
Schiantami
in un frontale di corpi,
e come polvere di vetro
ce ne andremo a passeggio
leggeri e luminosi
nel tramestio dei nostri guai.
TEMATICHE PRINCIPALI
Poesie d’amore e declino.
OSSERVAZIONI SULLO STILE
Le poesie di “Non scomodiamo Baudelaire” raccontano l’amore, il declino, la quotidianità e il tempo con uno stile essenziale e di
straordinaria lucidità. Il procedere dei versi segue l’andamento del pensiero nel suo sorgere, accostando il concreto e l’astratto e sfidando
la logica in serrate armonie di contrari. I versi impiegano un lessico disadorno, in cui spiccano poche punte peregrine. La voce poetica, in
dialogo con se stessa o con un “tu” silenzioso, cattura il lettore all’ascolto grazie a un’attenta scansione dei ritmi.
L’AUTORE
Daryoush Francesco Nikzad è nato a Teheran nel 1983. Vive in Italia dall’età di due anni, ma non ha ancora trovato la sua casa. Ha
studiato Scienze Politiche e Comunicazione; attualmente scrive per il teatro, cinema, narrativa e pubblicità. Lavora anche come attore,
bartender, cameriere, poeta, bagnino, benzinaio e alzatore di gonne. Intervistato recentemente da se stesso, dichiara: mi brucia lo
stomaco.
SITO WEB: tuttoilnostrosangue.bandcamp.com
SOCIAL: Instagram : @d.francesco.nikzad | Facebook : Daryoush Francesco Nikzad
CONTATTI : d.francesco.nikzad@gmail.com ; 3458465089

Post recenti

Leave a Comment