Un murales pieno di desideri per una Foggia più bella

image_pdfimage_print

I ragazzi dell’Allegra Brigata si sperimentano nei panni di artisti in erba riflettendo sull’importanza di essere cittadini attivi

Un’estate iniziata come nessun’altra, con tanta voglia di rivedersi e di stare insieme. Stare vicini nella prossimità, non solo attraverso video e parole, nel rispetto delle norme di sicurezza anti-covid. Così il centro diurno Allegra Brigata, gestito dalla Cooperativa Aura, dal 15 giugno ha riaperto e lo ha fatto puntando, come sempre, sul gioco senza tralasciare gli intenti pedagogici che muovono un centro socio-educativo.

Durante i quasi due mesi di attività estiva, significativo è stato il  laboratorio di arte e educazione civica realizzato per riflettere insieme su quanto sia importante sognare, desiderare e costruire spazi accoglienti nella città dove abitare, in cui ci si senta a casa e si respiri bellezza.

Si può essere cittadini partecipi e attivi da sempre, sin da piccoli.

Istintivamente i ragazzi si sono lamentati molto quando si è chiesto loro cosa pensassero della loro città.  Con troppa facilità hanno elencato le cose che secondo loro non vanno, con troppa sicurezza hanno espresso il sogno di andar via da Foggia perché “è brutta e non si vive bene”. Non ci si può fermare, però, alle lamentale e rimarcare solo cosa non va, bisogna sforzarsi di scoprire il bello che c’è.

E così, aiutati dai loro educatori, Nicoletta Corvino, Monia Schiavone, Elisa Summa, Massimiliano Tortorella e guidati dalla mano artistica del Padre Giuseppino Joy Kurisingal, i ragazzi hanno disegnato e colorato Foggia, su un muro dell’Oratorio di San Michele, scegliendo alcuni dei luoghi più belli e rappresentativi.

Si può andare oltre, si può sognare e desiderare di migliorare la propria città tutti insieme. Non si può crescere con l’idea che le cose non possano cambiare, che bisogna accontentarsi di quello che c’è e al massimo sperare di trovare qualcosa di meglio solo andando via; a 8, a 10 ma anche a 15 anni, non si può già essere ‘rassegnati’ a vivere in una città dove è più semplice trovare problematicità che potenzialità.

Uno dei compiti principali degli adulti è quello di tenere viva la capacità di sognare dei più piccoli, la loro creatività, il loro sguardo meravigliato e di stupore di fronte alle cose. Chi è educatore sa bene quanto sia importante muoversi nella prospettiva utopica della pedagogia, un tendere verso un modello ideale che guardando criticamente il reale, progetta e costruisce percorsi di trasformazione e cambiamento verso ciò che di meglio di può realizzare.

Così i ragazzi hanno riflettuto su cosa gli piacerebbe cambiare, si sono sforzati di esprimere alcuni desideri sulla loro città e sono venute fuori cose sia semplici sia importanti: avere più pizzerie per celiaci; a proposito di utopia, non avere più scuole che riflettendo insieme si è trasformato nel desiderio che ci siano scuole più divertenti; il sogno di avere una città più pulita, più sicura, con più spazi per giocare come parchi e giardini; anche il desiderio di avere una città dove ci sia più lavoro per i loro genitori.

La Foggia stilizzata ha visto colorarsi sui suoi tetti anche un bel cielo azzurro, con nuvole bianche che non aspettano altro che un bella sferzata di vento per essere scacciate e poi in alto, nel cielo più blu, stelle che racchiudono piccoli e grandi desideri, perchè guardando il cielo e le stelle ognuno di noi si senta libero di sognare e desiderare una Foggia più bella e, poi, abbassando lo sguardo sia colmo di voglia di adoperarsi e dare il proprio contributo per costruire bellezza attorno a sé e agli altri.

I ragazzi dell’Allegra Brigata hanno iniziato a fare la loro parte curando e abbellendo uno spazio dell’oratorio realizzando ben tre murales, impegnandosi a non aspettare che siano gli altri a fare qualcosa, ma loro per primi, nel loro piccolo e secondo le loro possibilità, essere protagonisti, anche solo interrogando e sollecitando gli adulti ad essere buoni ed onesti cittadini.

Il Centro Socio Educativo Allegra Brigata è una delle due realtà gestite dalla Cooperativa Sociale  Aura che dal 2002 affianca la Congregazione dei padri Giuseppini del Murialdo dell’Opera San Michele di Foggia nella realizzazione di servizi educativi rivolti ai minori sul territorio di Foggia.

Il Centro Socio Educativo Allegra Brigata è struttura accreditata presso la Regione Puglia e svolge attività di accompagnamento scolastico, accompagnamento psicologico, attività ludico ricreative e sostegno alle famiglie secondo la modalità dei buoni servizi come previsto dalla normativa regionale.

Post recenti

Leave a Comment