Premio Nobel 2020 al femminile : letteratura e chimica

image_pdfimage_print

Ancora una volta Premio Nobel per la Letteratura  alla poetessa Louise Glück per  “l’impeccabile voce poetica di semplice bellezza che rende universale l’esistenza individuale.

 Nata a New York nel 1943, la  scrittrice  americana già vincitrice del Pulitzer , è la sedicesima donna a ricevere il Premio Nobel per la letteratura. Louise  Glück è autrice di 12 raccolte di poesie e di alcuni saggi. Nata a New York, ha insegnato in diverse università americane ed è attualmente professore associato di letteratura inglese a Yale.

Tra i temi delle poesie di Glück, che si ritiene appartengano a uno stile prevalentemente autobiografico, troviamo la solitudine, l’infanzia, i rapporti familiari, il divorzio e la morte. le sue poesie sono apprezzate per la semplicità dello stile e la predilezione di sentimenti come la delusione.

Il Nobel per la Chimica alle ricercatrici Emmanuelle Charpentier e Jennifer A. Doudna

Per avere sviluppato il sistema per modificare parti di materiale genetico

Emmanuelle Charpentier,  ricercatrice francese attualmente direttrice della Divisione per le scienze dei patogeni presso il Max Planck Institute di Berlino, in Germania.
Jennifer A. Doudna di nazionalità americana,  docente presso l’Università della California, Berkeley.

Le due ricercatrici hanno sviluppato un sistema di “  editing del genoma ”. La loro scoperta prende il nome di sistema CRISPR/Cas9, ha messo a disposizione una nuova potente soluzione per cambiare il DNA degli animali, delle piante e di altri microorganismi, in modo estremamente  preciso. Questo sistema ha permesso di sviluppare nuove  terapie contro i tumori e potrebbe rendere  possibile la cura di diverse malattie ereditarie tramesse da diverse generazioni.

La scoperta degli studi delle due scienziate, consiste  nel tagliare  pezzi  di DNA , dando vita al sistema CRISPR e utilizzarlo per modificare il materiale genetico.

Questa scoperta è ritenuta una risorsa molto promettente per sviluppare nuove cure contro alcune malattie ereditarie  e per ridurre i rischi di nuove nascite con gli stessi problemi.

I ricercatori, inoltre, stanno anche sperimentando l’impiego di CRISPR/Cas9 nella ricerca delle cellule tumorali, per lo studio e la cura di molte forme di cancro.

@Cristian de Filippo

Post recenti

Leave a Comment