Startup Weekend Bari. SPRINT LAB 2020

image_pdfimage_print

Edizione online a prova di Covid-19 unica in Italia.
Vince “Fantaziende” creata da salentini e friulani per avvicinare alla finanza anche i più giovani attraverso la gamification.
Secondo posto a “Kinnet” riconosciuto anche progetto più innovativo e terzo a “Monopark” per parcheggiare il monopattino in tranquillità.

Si chiama Fantaziende l’app che si è aggiudicata il primo posto alla nona edizione di Startup Weekend Bari la storica competizione fra startupper nata da un format internazionale e organizzata da The Hub Bari srl nell’ambito del programma Sprint Lab 2020. Lo Startup Weekend di Bari è stato l’unico in Italia, quest’anno, a non aver ceduto alla minaccia Covid19 trasferendo tutte le attività online sulla piattaforma Remo grazie alle scelte coraggiose dei suoi organizzatori.
Il team di startupper di Fantaziende è stato formato da due salentini, Gabriele Centonze e Mattia Salita, e due friulani, Gabriele D’Urbano e Michele Miconi. La loro app è indirizzata ai giovani per aiutarli ad avvicinarsi e comprendere il mondo della finanza usando i processi della gamification: ossia regole e dinamiche mutuate dal mondo dei videogiochi.

Al secondo posto si è classificato il team che ha ideato Kinnet: un sistema che, grazie al calcolo computazionale aggregato e alla tecnologia blockchain, permette di utilizzare programmi come le suite Adobe e Autocad in cloud, permettendo di utilizzare questi programmi anche su pc con ridotte prestazioni. Gli ideatori sono Giuliano Caporicci del Molise e Ivan Rossi del Friuli. Kinnet si è aggiudicato anche una menzione come progetto più innovativo.

Monopark è il terzo classificato di questa nona edizione di Startup Weekend Bari: due baresi, Leonardo Martinelli e Giorgio Parisi, assieme alla perugina Costanza Maria Rosini hanno ideato un’app che permette di parcheggiare il monopattino di proprietà al sicuro, all’interno di locali e ristoranti nei centri cittadini. Una rivoluzione che permette in questo periodo storico ai locali di recuperare gli spazi inutilizzati e all’utente di potersi muovere liberamente per la città senza la preoccupazione de parcheggio.

I componenti dei tre team sul podio accederanno al Challenge Camp di gennaio, un appuntamento intensivo dove, guidati da mentor, potranno trasformare l’idea progettuale in una vera impresa. Inoltre vincono una mebership per accedere gratuitamente al cooworking di Impact Hub Bari. Per il primo classificato c’è anche una consulenza per la costituzione della startup.

Ma non è finita qui. Nel corso delle valutazioni è stata assegnata anche una menzione speciale per il “progetto con il miglior impatto ambientale”, ad ispirarla è stato Shabs: il primo dispositivo che permette di trasformare il sapone solido in morbida schiuma. Grazie a shabs si potrà ridurre la quantità di plastica prodotta per i contenitori di sapone liquido, mantenendo la comodità e l’igiene dei classici dispenser. Gli ideatori sono Fabio Finicelli (Napoli), Angelo Avella (Bari), Bruno Laforgia (Bari), Roberto Caravella (Bari) e Martina Polieri.

I partecipanti di questo Startup Weekend Bari provenivano da tutta Italia, marketer, visionari, graphic/UX designer e sviluppatori web di ogni età. La sfida è iniziata con la condivisione delle idee da sviluppare in speech di 60 secondi, 25 quelle presentate, 12 quelle votate dai partecipanti per la competizione. Si sono così formati 12 team di lavoro che in 54 ore hanno sviluppato i progetti che si sono contesi il podio.

Ogni team ha avuto il supporto di professionisti di alto profilo messi a disposizione da Sprint Lab come: Luca Barboni, fra i growth hacker più quotati a livello italiano, Gianluca Comandini, esperto nazionale in Blockchain, Nicolò Pignatelli, senior engineering manager di Get Your Guide, Cristina Angelillo, founder di Marshmallow Games, Mara Marzocchi, co-founder di Code Emotions, Luca Langella, program manager di Arti Puglia che ha iniziato la sua carriera proprio con lo Startup Weekend Bari del 2015.

In giuria per valutare i progetti: Paolo Gagliardi, Project Manager & Management Board per Programma Sviluppo, e Alfredo Lobello, responsabile promozione Innovazione di Puglia Sviluppo; Barbieri Vincenzo di CMO & Head of Design Lab di Planetek Italia; Dino Mansi, responsabile Risorse Umane, e Francesco Pomarico, direttore operativo del Gruppo Megamark; Michele Loperfido, CEO & Founder di Master Italy; Silvio Busico, presidente del consiglio di amministrazione di Programma Sviluppo e presidente della giunta esecutiva di Its Logistica; Cardenia Casillo, consigliere delegato della Fondazione Vincenzo Casillo; Maurizio Alfieri, direttore di produzione e supervisore IT di Edilportale.Com Spa; Marina Lalli, presidente nazionale Federturismo Confindustria; Mariarita Costanza, imprenditrice e co-founder di Macnil; Giovanni De Caro, CEO di Volano; Gianna Elisa Berlingerio, dirigente delle sezioni competitività e politiche giovanili della Regione Puglia; Marco Nannini, entrepreneur, business angel e keynote speaker on innovation, startup and Impact Investing.

Sprint Lab è un programma pugliese di formazione, sviluppo, progettazione, recruiting e networking sviluppato da The Hub Bari srl, con il patrocinio di Università degli Studi di Bari, Politecnico di Bari e Comune di Bari, e il sostegno di Megamark, Planetek, Fondazione Casillo, Master Italy, Programma Sviluppo e ITS Logistica Puglia.

Mila Uffici Stampa

—————————–

Alessandra Montemurro > +39 328 951 8532

Michela Ventrella > +39 349 526 0370

Alessandro Di Pierro > +39 328 613 4018

Post recenti

Leave a Comment