Epifania: tutte le feste porta via!

image_pdfimage_print

storia

L’Epifania non è un giorno di festa solo per i più piccoli, che dal giorno successivo torneranno tra i banchi di scuola, il 6 gennaio in Italia è un giorno festivo, una festa religiosa cristiana, che celebra il giorno in cui Dio rivelò agli uomini la nascita di suo Figlio, rivelazione che venne fatta ai Re Magi richiamati da lontano a Betlemme dopo aver visto sorgere la stella annunciata dall’Antico Testamento. Il termine Epifania viene dal greco antico epìphaneia che significa «apparizione».
La celebrazione della festa è inoltre antichissima, e sembra sin dal II secolo d.C., si possano ritrovare delle tracce di queste celebrazioni. In un primo momento le persone però festeggiavano il 6 gennaio il battesimo di Gesù.
Successivamente, intorno al IV secolo, la Chiesa riuscì a epurare la festa di queste credenze gnostiche e inserirla nei festeggiamenti religiosi dell’Occidente cristiano.  L’adorazione di Gesù da parte dei re Magi, provenienti da paesi lontani   rappresenta infatti la manifestazione del Bambino Gesù come Dio a tutti i popoli.

l doni
I doni portati dai Re Magi a Gesù nell’episodio narrato nel vangelo di Matteo non sono casuali. L’oro è un dono degno di un re e serve a simboleggiare la regalità di Gesù. L’incenso è una resina aromatica che sprigiona profumo quando bruciata ed è usato nelle chiese anche oggi nelle funzioni religiose. Quando bruciato l’incenso emana un fumo profumato che dalla terra può diffondersi nell’aria fino ad arrivare a Dio.  La mirra è una resina che si utilizzava sui morti per profumarli e per imbalsamare i cadaveri. Il dono simboleggia l’umanità di Gesù.

L’Epifania e la Befana: leggende

La figura della Befana è giunta invece in un secondo momento. Le leggende che ruotano intorno a questa figura sono moltissime, ma senza dubbio la più interessante è la personificazione di Madre Natura. La leggenda più conosciuta è quella che lega sacro e profano, mettendo insieme le figure dei Magi e quella della Befana. Secondo questa favola popolare infatti la Befana altri non era che una vecchina, che decise di vedere il passaggio dei Re Magi al loro rientro. I Magi però al ritorno fecero una strada diversa , così la Befana ogni 6 gennaio aspetta ancora di vederli passare. 
Le storie su questa vecchia donna sono moltissime: per alcuni la Befana è addirittura la moglie di Babbo Natale e con lui vive al Polo Nord tutto l’anno

Perché la Befana porta carbone e dolci?

Il giorno dell’Epifania tutti i bambini in Italia si svegliano e trovano in casa una calza piena di dolci, ma solo se si è stati buoni. I bambini che si sono comportati male infatti nella calza troveranno solo carbone. Il carbone si lega ad una delle tante leggende che ruotano intorno alla figura della Befana e della sua percezione. Secondo una credenza popolare infatti la Befana incarnerebbe l’anno vecchio che va via e proprio per questo sarebbe una donna anziana.
Per tutti coloro che durante l’anno precedente hanno fatto del loro meglio la Befana porta dolci e leccornie per premiarli, diversamente chi non ha messo impegno riceve carbone, segno della sterilità delle proprie azioni.

@Cristian de Filippo

Post recenti

Leave a Comment