Siamo nati per combattere la sorte

image_pdfimage_print

Rinascerò, rinascerai… Questi giorni cambieranno i nostri giorni. Ma stavolta impareremo un po’ di più

…27 marzo: a sostegno dell’emergenza che il Paese vive a causa del Coronavirus, viene pubblicata la canzone dei Pooh “Rinascerò, rinascerai”.

Circa 6000 salme vengono portate via con i mezzi militari dalla città di Bergamo, duramente colpita da questa ondata di Covid-19.

Ripercorrendo quei giorni, in cui tutto il Paese era attaccato agli schermi televisivi per assistere a quelle scene che toglievano il respiro, pianto, rabbia, tristezza e paura travolgevano gli animi della gente.

Come tutto ciò è stato possibile? … Un essere invisibile ha mai potuto piegare in questo modo un mondo intero? … Spezzare così tante vite umane, dividere famiglie, privare ognuno della libertà quotidiana in cui è abituato a vivere…

Abbiamo assistito a qualcosa di veramente preoccupante: numeri. Apparentemente freddi e anonimi, al di là di essi, invece, contagi e decessi.

Una situazione protrattasi per troppo tempo e che ha creato smarrimento, ansia e dubbi.

A quasi 10 mesi dall’inizio di questa pandemia la cosa che più risulta difficile è dimenticare le immagini, i volti di tutti coloro che hanno lavorato incessantemente al bene degli altri, nello specifico medici, infermieri, personale ospedaliero…sono stati loro gli eroi e le eroine di questi nostri giorni.

Nei periodi in cui l’Italia si è tinta di giallo, arancione e rosso, nei giorni di festività natalizie in cui a prevalere erano i divieti, una cosa non è stata assolutamente vietata: sognare, sperare, amare.

Un inesorabile desiderio di normalità, la mancanza di una ricetta pronta per questo virus poco conosciuto, il non saper cosa fosse meglio fare, il non poter evitare errori. Tutti sono stati chiamati a un senso di responsabilità e collaborazione civile e doverosa.

Secondo il parere degli scienziati forse ci sarebbero voluti ancora dei mesi, ma dal 27 dicembre, giorno del V-Day, un barlume di luce si è acceso, cominciando a rianimare la speranza di tutti.

Al suono di speranza, con questo inno al futuro, tra non molto tempo, potremo urlare “Rinascerò”!

Siamo nati per combattere la sorte

Ma ogni volta abbiamo sempre vinto noi

I bambini correranno felici nei parchi, i corsi saranno affollati, volti sorridenti popoleranno le strade e le piazze.

Questa triste pagina di storia potrà essere finalmente voltata.

In onore di tutte le persone che hanno lottato e combattuto a denti stretti contro questa “bestia” …

In ricordo di chi purtroppo non ce l’ha fatta … possiamo finalmente scrivere GAME OVER.

Giovanna Mazziotti

I.C. Manzoni-Radice Lucera (Fg)

III A

Post recenti

Leave a Comment