image_pdfimage_print

Ad maiora semper!

La gara MATHS CHALLENGE è organizzata dal Dipartimento di Economia dell’Università di Foggia, con la collaborazione della Mathesis e della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia. La gara è basata su domande di tutte le aree della matematica ed è rivolta agli studenti del quinto anno della Scuola Secondaria di secondo grado. La gara ha lo scopo di sfatare il mito della matematica vista come un “mostro” di cui aver paura e, nel contempo vuole premiare le eccellenze. Il Dipartimento di Economia offre agli studenti “vincitori” l’opportunità di iscriversi di ad un corso di laurea…

Continua a leggere

Giustizia è fatta, ma chi restituisce la vita rubata?

Alex Schwazer, campione olimpico della 50 km a Pechino 2008. Dopo essere risultato positivo ad un controllo anti-doping alla vigilia dei Giochi olimpici di Londra 2012, venne squalificato dal Tribunale Nazionale Antidoping fino al 29 aprile Alex Schwazer però non si dopava. I campioni di urina nel 2016 furono alterati. Un incubo durato 5 anni, una carriera macchiata e terminata bruscamente, otto anni di squalifica, per l’ex campione, oggi 36enne forse vittima di intrighi sportivi. “Archiviazione per non aver commesso il fatto” questa la decisione del gip del Tribunale di…

Continua a leggere

Il doodle di Google di oggi celebra Audre Lorde

Il doodle di Google di oggi celebra un’attivista americana, Audre Lorde, nata il 18 febbraio 1934 a New York. Un simbolo della lotta mondiale per la parità dei diritti, e delle altre minoranze, sempre in prima linea nei diritti civili. Incline ai movimenti culturali, le sue poesie hanno dato un contributo enorme alla lotta contro la discriminazione e l’ingiustizia. “Pray for Survival” è la sua poesia proclama, quattro strofe che coinvolgono tutti in una preghiera comune. “Nero, lesbica, madre, guerriera, poeta”, a Audre Lorde piace definire se stessa con questi…

Continua a leggere

“Forse tremate più voi nel pronunciare contro di me questa sentenza che io nell’ascoltarla”

Il 17 febbraio del 1600 il filosofo Giordano Bruno vi fu arso vivo dopo essere stato condannato per eresia. Nudo e con la bocca serrata, fu arso vivo proprio lì dove oggi sorge la sua statua. Quando qualche giorno prima fu pronunciata la sua sentenza, Bruno avrebbe replicato:” Forse tremate più voi nel pronunciare contro di me questa sentenza che io nell’ascoltarla”. “Maiori forsan cum timore sententiam in me fertis quam ego accipiam”. Nel suo album “Il sogno eretico”, Caparezza, cantautore italiano, rispolvera le storie di alcuni personaggi che segnano la…

Continua a leggere

Per ricordare…

Il 10 febbraio è la giornata delle vittime delle foibe, che contrariamente alle vittime dei campi di concentramento, sono state per moltissimi anni dimenticate, dalla storiografia, dallo Stato italiano, dalla politica nazionale, dalla scuola, cancellando il ricordo ed ogni riferimento a chi è stato trucidato per il solo motivo di essere italiano o contro il regime comunista di Tito. Il termine “foiba” è un termine di origine latina, “fovea”, che significa “fossa”; le foibe, infatti, sono voragini rocciose, a forma di imbuto rovesciato, create dall’erosione di corsi d’acqua nell’altopiano del Carso,…

Continua a leggere

Giornata mondiale contro le mutilazioni genitali femminili

Si celebra oggi 6 febbraio, “la giornata internazionale contro le mutilazioni genitali femminili”. Nel mondo ci sono 200 milioni di donne che hanno subito mutilazioni genitali, 44 milioni sono bambine. L’infibulazione riguarda più del 90% delle donne in Africa, soprattutto nel Corno d’Africa e nell’Africa Subsahariana, ma anche in Egitto e Guinea. La legge proibisce la pratica di questo rituale, che  sembra non  avere una matrice religiosa, ma essere frutto di una “ cultura maschilista”. In molti paesi non ci sono leggi che assicurano pene per i trasgressori, i legislatori…

Continua a leggere

Sei laureato? La vittima dell’avventura è un avvocato italiano di colore

Sembra uno scherzo, da come lo raccontata la persona interessata, ma è successo davvero!! Un avvocato vittima dell’avventura è un italiano, di colore, che è andato in tribunale per difendere il suo cliente, ma il giudice onorario non credeva che potesse essere un avvocato, così gli chiede di mostrare prima il suo tesserino e poi se ha una laurea. È quello che è successo ieri al Tribunale per i minorenni di Napoli. L’avvocato in questione è Hilarry Sedu, 34 anni, di origine nigeriana, ma italiano a tutti gli effetti, consigliere…

Continua a leggere

La costituzione sul muro!

Su un’intera parete di un piccolo comune in provincia dell’Aquila, in Abruzzo, Aielli, il testo più importante e significativo del nostro Paese, all’interno del quale sono raccolti i principi, i diritti e i valori di ogni uomo, gli stessi per il quale le passate generazioni si sono battute. Si tratta della Costituzione.  Bisogna tornare a quando agli italiani fu chiesto di scegliere tra la Monarchia e la Repubblica e di scegliere anche i membri dell’Assemblea Costituente. In quelle elezioni, per la prima volta, votarono anche le donne. È necessario quindi ripercorrere la storia della nascita della nostra Costituzione, datata…

Continua a leggere

Gli Stati non uniti d’America

Nel pomeriggio del 31 gennaio si è tenuto un interessantissimo incontro, a cui era presente il nostro giornale, organizzato dal Rotary club di Foggia e dal Giovani Interact del club di Foggia “Umberto Giordano“. Lo scrittore e giornalista Vito Spada ha tenuto una lectio magistralis per analizzare l’assalto al Campidoglio e gli ultimi eventi politici negli Stati Uniti relativi all’elezione del nuovo presidente. Partendo dal dall’assalto al Campidoglio sulla sulla legittimità dei voti tra il presidente uscente e il nuovo eletto Biden, numerosi sono stati i punti toccati dal giornalista…

Continua a leggere

Un foggiano sopravvissuto ai campi di concentramento

Giovanni Battista Roselli Il foggiano Giovanni Battista Roselli dal settembre del 1943 al maggio del 1945, rimase prigioniero a Dachau, campo di concentramento nazista. Appena catturato fu costretto a spogliarsi dei suoi vestiti come tutti i prigionieri e a indossare il famoso pigiama a righe contrassegnato con un numero sulla giacca, e gli fu consegnato un braccialetto di latta e portato nelle baracche dove vivevano come animali.  Successivamente fu portato in altri campi di concentramento, dove si ammalò per il duro e la scarsità di cibo. Il suo calvario prosegui…

Continua a leggere