image_pdfimage_print

CRISANTI SI È FERMATO ALL’EBOLA

È di qualche giorno fa la notizia del vaccino contro il Covid dell’azienda americana Pfizer. “Senza dati, non me lo faccio, perché voglio essere rassicurato che è stato testato e soddisfi tutti i criteri di sicurezza ed efficacia. Come cittadino ne ho diritto, non sono disposto ad accettare scorciatoie.” Queste sono le parole del direttore di microbiologia e virologia all’Università di Padova, Andrea Crisanti. Queste parole hanno scatenato una lunga scia di polemica e contro-dichiarazioni. Risponde Pierluigi Lopalco, epidemiologo e assessore alla Sanità della Puglia: – “Io mi sono persino…

Continua a leggere

In piena seconda ondata della pandemia: ecco la risposta dell’Europa

Dall’inizio della pandemia le restrizioni sono state diverse. Nella primavera del 2020 l’Europa si è vista costretta ad imporre il completo lockdown, al fine di contenere in qualche modo l’espandersi del contagio. Dopo un’estate in cui nessuno sembrava avere più paura del virus, il numero dei casi sta avendo una nuova impennata. I governi delle varie nazioni europee sono stati costretti a prendere misure sempre più restrittive. Dal 5 novembre la Germania ha disposto un nuovo lockdown: chiusi bar, ristoranti, divieto per gli alberghi di accogliere nuovi turisti. Anche gran…

Continua a leggere

Il voto per posta: è stata una buona idea?

L’emergenza sanitaria di questo periodo ha provocato l’aumento del voto per posta per le elezioni americane. Infatti gli elettori americani hanno già utilizzato questo tipo di voto per altre decisioni e lì questo è molto regolamentato. Trump, però, ha ripetuto più volte che il voto per posta è pieno di brogli. Molte fonti e statistiche ufficiali smentiscono questa tesi dicendo che la percentuale di brogli è marginale. Ma qual è il vero scopo di Trump? Secondo lui il voto per posta favorisce i suoi avversari, ma altre statiche smentiscono anche…

Continua a leggere

Joe Biden vince le elezioni americane

Vince con 290 voti il democratico Joe Biden, diventando il 46esimo presidente americano.  Dei molti paesi che sono stati fino all’ultimo in bilico, la Pensilvania è stata decisiva per la sua vittoria. Donald Trump non ha preso bene la notizia infatti ha messo diverse volte in dubbio la validità dei voti. il suo staff ha messo in atto la strategia legale che il presidente annunciava già da settimane: mettere in dubbio la validità dei voti negli stati che avrebbero potuto decretare la sua sconfitta. Tutto questo impegno da parte Trump…

Continua a leggere