image_pdfimage_print

Stop alla vendita del foie gras

Sono ormai anni che la ong Esseri Animali ha lanciato la campagna #ViaDagliScaffali con l’obiettivo di indurre le grandi compagnie di distribuzione ad abbandonare la vendita di foie gras, prodotto attraverso l’alimentazione forzata di anatre e oche. A fine 2019 dopo 27mila firme raccolte per la petizione, migliaia di mail e messaggi sui social, l’ultima impresa ad averlo ancora in vendita era rimasta solo l’Iper. Grazie alla mobilitazione di tante persone l’associazione ha raccolto 13 adesioni da parte di grandi catene di supermercati, a cui ultimamente si è unita anche…

Continua a leggere

Sindaci uniti contro il global warming attraverso il “Clima Comune”

Recentemente si è tenuto l’evento “Clima Comune”, nel quale è stato possibile fare un tour virtuale per l’Italia e ascoltare i Sindaci che hanno avuto l’occasione di esporre le migliori pratiche del proprio comune nella difesa dell’ambiente. L’incontro è stato organizzato da Eumans, movimento paneuropeo di cittadini che, attraverso gli strumenti della democrazia partecipativa, mirano a raggiungere gli obiettivi Onu sullo sviluppo sostenibile. All’attiva discussione ha partecipato la rete di sindaci promotori di StopGlobalWarming.eu, l’attuale campagna di Eumans. L’obiettivo di questo incontro è quello di incoraggiare i cittadini a firmare…

Continua a leggere

I lupi e il bracconaggio

Ogni anno, circa 300 lupi muoiono per mano dell’uomo. Di questi, la metà viene uccisa dai bracconieri a causa di trappole, esche avvelenate o colpi d’arma da fuoco. Solo dall’inizio del 2021 sono già stati contati 15 casi di lupi rinvenuti morti con almeno 4 casi di sicuro bracconaggio. Recentemente si sono verificati 2 uccisioni di lupi di cui uno ucciso nel Parco nazionale d’Abruzzo per colpi d’arma da fuoco e uno morto in un laccio in Calabria. Pertanto gli animalisti ricordano che c’è bisogno di un maggior coinvolgimento degli…

Continua a leggere

MaD, la musica continua

Condividere momenti di socialità attraverso arti che ci accomunano, come la musica, è molto importante soprattutto durante questo periodo di emergenza sanitaria, rispettando sempre le norme in vigore. Oggi, sabato 30 gennaio, dalle ore 11:30 si è tenuta una diretta di 2 ore, di musica live da Parcocittà. L’evento, organizzato con la collaborazione di “UdS Foggia” e “sFoggia”, ha coinvolto sei scuole superiori, rappresentate da altrettanti artisti o band musicali. Al MaD (musica a distanza) hanno partecipato: l’Istituto tecnico economico “Blaise Pascal” con Xanny, il Liceo classico “Lanza” con Gaia…

Continua a leggere

Ni, un nuovo obiettivo per monitorare gli habitat naturali

Monitorare gli habitat naturali in maniera efficiente è un obiettivo molto importante, in quanto renderebbe possibile rafforzare la salvaguardia ambientale e identificare le varie specie sotto analisi. Il progetto ‘Natural intelligence for robotic monitoring of habitats’ (Ni), coordinato dall’Università di Pisa, si occuperà di raggiungere questo obiettivo entro tre anni e verrà finanziato dall’Unione europea, con un budget di tre milioni di euro. L’intento è quello di creare robot che si muovano facilmente in ambienti naturali, in grado di camminare su superfici sabbiose e su sentieri scoscesi e rocciosi, in…

Continua a leggere

Biden, stanziati 300 miliardi per la mobilità sostenibile

Joe Biden, il 46esimo presidente degli Stati Uniti, ha stanziato nel suo programma elettorale, 300 miliardi di dollari nell’ambito tecnologico, ponendo l’auto elettrica al primo posto. Con questi fondi prevede che entro il 2030 gli USA possano essere attraversati completamente da autovetture sostenibili. Il progetto richiederà l’installazione di almeno mezzo milione di colonnine di ricarica. Negli Stati Uniti vengono immatricolate ogni anno circa 270 milioni di auto, una cifra spropositata se si pensa che solo quest’anno Tesla ha prodotto la sua milionesima auto. I soldi destinati al progetto infatti serviranno…

Continua a leggere

Rifiuti radioattivi, un nuovo deposito nazionale

Dopo sei anni di ritardi è stata pubblicata la mappa dei siti idonei ad ospitare il Deposito nazionale delle scorie nucleari. In questo magazzino sarà possibile sistemare definitivamente e in sicurezza circa 78.000 metri cubi di rifiuti radioattivi a bassa e molto bassa attività. 33.000 metri cubi di scorie sono già stati prodotti, mentre i restanti 45.000 si stima verranno generati entro 50 anni. I rifiuti, la cui radioattività decadrà nell’arco di 300 anni, verranno trasportati al deposito in dei contenitori metallici inseriti e cementati in moduli di calcestruzzo speciale,…

Continua a leggere

L’orientamento non si ferma

Nonostante l’emergenza sanitaria del covid-19, oggi, 19 dicembre 2020 le porte del Pascal si sono aperte nuovamente per il primo Open Day di quest’anno scolastico. Dalle 9:30 fino alle 12:30 professori e alunni hanno accolto gli studenti delle scuole medie accompagnati dai loro genitori, guidandoli in un tour dove hanno acquisito tutte le informazioni per fare una scelta ottimale. A causa delle restrizioni attuali i posti disponibili andavano prenotati sul sito orientamento.blaisepascal.it, ma per dare l’opportunità a tutti, di fare un tour della nostra scuola, l’evento e stato trasmesso in…

Continua a leggere

Frammentazione dei fiumi europei e il relativo impatto

Un recente studio pubblicato sulla rivista Nature, coordinato da Barbara Belletti del Politecnico di Milano, ha dimostrato che il flusso dei fiumi europei è ostruito da più di 1,2 milioni di barriere, tra dighe, argini, canali e guadi. La frammentazione di questi fiumi difatti ha una densità di 0,74 barriere per chilometro, di cui il 61% non è riportato sui database regionali, nazionali e globali. Lo studio infatti è stato frutto di 4 anni di mappatura su 2700 Km sulle sponde di 142 fiumi, di cui nessuno privo di ostruzioni.…

Continua a leggere

Ecomafia, crescono i reati ambientali

Dal 1994, Legambiente svolge attività di ricerca, analisi e denuncia della criminalità ambientale. Il rapporto di quest’anno indica un aumento dei reati ambientali per un totale di 34.648 casi con un incremento del 23,1% rispetto al 2018. Quasi un terzo di questi illeciti sono stati riscontrati nel ciclo di cemento, al primo posto fra le attività ecocriminali. I reati più preoccupati rimangono però quelli contro la fauna spesso connessi agli incendi boschivi. Questo fenomeno, meglio definito Ecomafia, include i settori della criminalità organizzata che si occupano di traffico o smaltimento…

Continua a leggere