image_pdfimage_print

Diario di bordo: giorno 16

Ci troviamo di fronte alla Terza Guerra Mondiale? Molto probabilmente sì.  E non è una guerra che si combatte sul fronte, ma una “guerra batteriologica“, che si combatte in corsia.  I nostri soldati sono i medici, gli infermieri, tutti gli operatori sanitari.  In questa tragedia che non ha volti, non ha abbracci, ma solo numeri su numeri, c’è chi sta combattendo la sua guerra.  E non lo fa su un campo di battaglia o dietro la trincea.  È una corsa affannosa contro un’arma terribile.  Ma la certezza è che la…

Continua a leggere

Diario di bordo: giorno 12

21 marzo 2020. Primo giorno di primavera.  Sì, ma per così dire. 793. Settecentonovantatre morti. In un solo giorno.  Stiamo radendo le soglie dell’insopportabile. Eppure c’è ancora chi continua a fare il “furbetto“. E allora, sì, andiamo tutti al mare, facciamo una bella scampagnata, andiamo a correre. Ma proprio ora vi è venuta tutta questa voglia irrefrenabile? Siamo reduci dall’ultimo discorso del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. La situazione non è semplice.  Le nostre strutture sanitarie sono vicine al collasso.  E ricordiamolo che il nostro è uno dei migliori sistemi…

Continua a leggere

Diario di bordo: giorno 10

Equilibrio. È tutta una questione di equilibrio. Aspettiamo le 18, impazienti.  Ma impazienti di cosa?  Di sentire il “bollettino di guerra“? Di sentirci dire che ormai abbiamo superato anche la Cina? Ci vantiamo – in modo ironico – dicendo che “miriamo al primo posto“, ma poi, quando sentiamo quei numeri così grandi, quando vediamo quelle cifre scorrerci dinanzi gli occhi, restiamo interdetti. Per un attimo perdiamo il nostro equilibrio. Troppo precario, forse.  Questo non è il “virus cinese”. Questo virus dipende da tutti noi.  Magari abbiamo interrotto quell’equilibrio della madre…

Continua a leggere

Diario di bordo: giorno 7

Siamo gente strana noi italiani. Innamorati delle contraddizioni. E mentre i numeri continuano ad aumentare, noi continuiamo a non importarcene delle nostre vite.  E continuiamo ad usare la scusa del cane per poter uscire di più di casa.  Dobbiamo fare la spesa e allora ne approfittiamo per stare più tempo fuori.  Questa quarantena ci sta stretta. Siamo abituati da sempre ad avere una vita frenetica. Ventiquattr’ore non ci bastavano mai. Eravamo quelli che procastinavano tutto e sempre.  Ed ora che ci troviamo bloccati, impossibilitati in ogni movimento, in ogni azione,…

Continua a leggere

Diario di bordo: giorno 6

L’Italia è diversa.  È bella perché è diversa. Da nord a sud.  Non c’è distinzione alcuna.  Dopotutto, noi italiani amiamo essere diversi, distinguerci, mettere in discussione tutto.  Ma solo una cosa ci unisce tutti: cantare. Perché, d’altronde si sa, chi ci può vietare di cantare. Siamo nati cantando.  Siamo la patria del bel canto, della lirica, di Volare e pure di Nostalgia Canaglia. E per una volta, solo una, affacciamoci a quel balcone – senza vergogna -, prendiamo le nostre torce e cantiamo a squarciagola.  Battiamo le mani, sì, battiamole…

Continua a leggere

Diario di bordo: giorno 4

Era l’11 Marzo 2020 e la primavera era vicina.  E mentre i fiori sbocciavano, il sole splendeva e i ragazzi passavano tutta la giornata davanti ad un computer – per studiare, e non per giocare -, tutti furono messi in quarantena obbligatoria.  I nonni, le famiglie ed anche i giovani.  Allora la paura diventò reale. E mentre le rose sbocciavano, le file dinanzi i supermercati diventarono sempre più lunghe, le attese interminabili.  Ma questo la primavera non lo sapeva. E mentre si riscoprirono i valori ormai perduti e le famiglie…

Continua a leggere

Diario di bordo: giorno 3

Piano piano ci siamo scivolati dentro. Questo è stato un lunedì nero, per il crollo della Borsa, per i problemi di ordine pubblico che vanno dal controllo degli spostamenti delle persone al dilagare delle rivolte nelle carceri, per i bollettini sempre più drammatici che arrivano dal fronte delle terapie intensive. E ora, si ferma il Paese intero. Non ci sono più zone rosse, zone arancioni o libere.  L’Italia intera è un’area protetta, un’unica area protetta.  L’ha detto il premier Conte: “nessuno spostamento, tutti fermi”.  Lo spirito del nuovo decreto, Conte…

Continua a leggere

Coronavirus, nuovo decreto: tutta l’Italia diventa zona rossa

La zona rossa è stata estesa a tutta Italia: tra le misure estese a tutto il territorio nazionale ci sono la chiusura di tutte le scuole fino al prossimo 3 aprile, così come il blocco di tutte le manifestazioni sportive ovunque. Lo annuncia il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte che oggi ha incontrato i leader della maggioranza. Le misure contro la diffusione del coronavirus adottate nelle zone rosse saranno estese a tutta Italia. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il premier in serata ha incontrato i capi delegazioni…

Continua a leggere

Coronavirus: lettera dall’Italia

Quattordici giorni. Da quattordici giorni siamo convinti di trovarci di fronte all’apocalisse. Giriamo con le mascherine, restiamo chiusi in casa, alimentiamo la paura, le superstizioni, gli allarmismi generali. Abbiamo preso d’assalto i supermercati convinti che da un giorno all’altro possa verificarsi la più grande delle carestie. Abbiamo aggredito un filippino, convinti che l’etnia asiatica fosse la causa della diffusione di un virus. Sì, il Coronavirus, un virus che presenta solo un tasso del 2% di mortalità, ma che fa serpeggiare l’odio tra la gente, lo fa scorrere dal Nord al…

Continua a leggere

Il Coronavirus interrompe il segno di pace nelle chiese di Foggia

Coronavirus: nelle chiese di Foggia viene interrotto il segno della pace. La richiesta è dell’arcivescovo Mons. Pelvi che si rivolge a sacerdoti e cappellani chiedendo collaborazione. È l’effetto dell’emergenza Coronavirus. Nella capitanata l’emergenza sanitaria COVID-19 non risparmia nemmeno la fede. I casi di quest’ultimi giorni hanno spinto l’arcivescovo dell’Arcidiocesi Foggia-Bovino, Mons. Vincenzo Pelvi, a disporre di non organizzare in questo periodo gite di pellegrinaggi di qualsiasi genere, di evitare lo scambio della pace durante le celebrazioni eucaristiche e di ricevere la Comunione sulla mano. “Sia tolta anche l’acqua lustrale dalle acquasantiere presenti nelle chiese” precisa. Quanto…

Continua a leggere