Buono, laico e multietnico. Pane dal mondo per Grani futuri

Dibattiti, degustazioni e cene fra San Marco in Lamis e Rignano Garganico (FG) 15-16 giugno 2019. Al via la terza edizione dell’evento dedicato al più simbolico ed ecumenico

Il movimento del pane marcia verso San Marco in Lamis, il piccolo borgo in provincia di Foggia diventa la capitale internazionale del pane buono. Cuochi e fornai in arrivo da ogni angolo del mondo animeranno la terza edizione di Grani futuri, di scena domani 15 giugno e il 16 giugno.

Dibattiti, laboratori del
pane a cielo aperto, profumo di farina, impasti e soprattutto odore di pane
fragrante appena sfornato invaderanno strade e piazze della città. La
manifestazione entrerà nel vivo alle 20 del 15 giugno quando si accenderanno i
fuochi delle postazioni allestite in vico Palude. Una cena a cielo aperto
ispirata all’undicesimo punto del Manifesto
Futurista del Pane
, sottoscritto da scienziati, scrittori, artigiani e
intellettuali vocati alla ricerca, anche della felicità che passa per la
tavola. La chiusa del Manifesto a cui si ispireranno nella preparazione dei
piatti le dieci coppie composte da un cuoco e un fornaio, descrive la buona
panificazione come “atto magico”. Fra i protagonisti della serata Carlo Di Cristo, biologoe ricercatore di
zoologia presso l’Università degli studi del Sannio, che da tempo si occupa
di panificazione e di
sperimentazione sulle fermentazioni,
Alysha Agarwall panificatrice indiana classe 1981 e Sophia Ohligs, tedesca, responsabile
bakery del Forno Collettivo di Milano, composto da un team cosmopolita di
sole donne, progetto ispirato ai corner del pane californiani e scandinavi
all’insegna di sourdough bread, vino naturale e cucina. 

La giornata conclusiva (16
giugno) di Grani futuri si svolgerà invece a Masseria Paglicci (Rignano Garganico), imponente esempio di
architettura rurale pugliese dove vive allo stato semibrado una delle ultime
mandrie di podoliche. Sull’aia della masseria sarà apparecchiata la cena
dedicata al Panenutrice, neologismo
che inneggia alla fecondità e alla vita, di cui il pane è simbolo
ancestrale. Il ricavato della cena sarà devoluto all’ospedale Casa
sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo per la creazione di laboratori del pane destinati ai piccolipazienti del reparto di Oncoematologia pediatrica.




Martina Criscio convocata per gli Europei di Dusseldorf

L’atleta del Circolo Schermistico Dauno in pedana il 17 e il 20 giugno, rispettivamente nella sciabola individuali

Martina Criscio, atleta del Gruppo Sportivo dell’Esercito, ma che ha nel Circolo Schermistico Dauno la sede dei suoi allenamenti, è stata convocata per gli Europei di Scherma che si terranno a Dusseldorf (in Germania) dal 17 al 22 di giugno. La sciabolatrice foggiana, allenata dal maestro Benedetto Buenza, parteciperà alla prova individuale di sciabola (che si terrà il 17 giugno) e alla prova a squadre (prevista il 20 giugno). Con Martina Criscio sono state convocate nella rappresentativa delle azzurre anche Sofia Ciraglia, Rossella Gregorio e Irene Vecchi. Riserva, invece, sarà Michela Battiston.




Torna in Capitanata l’autore del pluripremiato “La tentazione di essere felici”

A Procida, “Tutto sarà perfetto”. La dolce ironia di Lorenzo Marone. Venerdì 14 giugno, ore 19. Libreria Ubik di Foggia. Lo scrittore napoletano presenta il suo nuovo romanzo. Sullo sfondo, stavolta, non c’è Napoli, ma lo splendore dell’isola raccontata nel capolavoro di Elsa Morante

L’ironia,
la dolcezza, le piccole, grandi imperfezioni famigliari. È la cifra stilistica,
ormai riconoscibilissima, di uno scrittore da 300mila copie vendute, tradotto
in 16 paesi
e amatissimo dai lettori. Stavolta però, ad impreziosire la sua
ultima storia non c’è Napoli, ma lo splendore di un’isola cara a tanta
letteratura: Procida. In Tutto sarà
perfetto
(Feltrinelli, 2019), infatti, riecheggiano le atmosfere de L’isola di Arturo, capolavoro di Elsa Morante e libro amato dallo stesso
Lorenzo Marone, protagonista
dell’incontro di venerdì 14 giugno,
alle ore 19, nello spazio live della libreria Ubik di Foggia. L’autore del pluripremiato La tentazione di essere felici, che ha ispirato il film La tenerezza di Gianni Amelio, già in libreria con i suoi precedenti libri, ritrova
ancora una volta i lettori di Capitanata, con questo nuovo romanzo pubblicato
da pochi giorni e già apprezzato da pubblico e critica. A conversare con
Lorenzo Marone, la docente Carla
Bonfitto
.  

Tutto sarà perfetto (Feltrinelli, maggio 2019; pagine
304). La vita di Andrea Scotto è tutto
fuorché perfetta, specie quando c’è di mezzo la famiglia.
Fotografo
quarantenne, single e ostinatamente immaturo, Andrea ha sempre preferito
tenersi alla larga dai parenti: dal padre Libero, comandante di navi a riposo,
procidano, trasferitosi a Napoli con i figli dopo la morte della moglie, e
dalla sorella Marina, sposata, con due bambine e un evidente problema di ansia
da controllo. Quando però Marina è costretta a partire e a lasciare il padre
gravemente malato, tocca ad Andrea prendere il timone. È l’inizio di un fine
settimana rocambolesco, in cui il divieto di mangiare dolci e fritti imposto da
Marina è solo uno dei molti che vengono infranti. Tallonato da Cane pazzo
Tannen, un bassotto terribile che ringhia anche quando dorme, costretto a stare
dietro a un padre che si rifiuta di farsi trattare da infermo e che continua a
sorprenderlo con richieste imprevedibili, Andrea
sbarca a Procida e ritorna dopo anni tra le persone e i luoghi dell’infanzia
,
sulla spiaggia nera che ha fatto da sfondo alle sue prime gioie e delusioni
d’amore e tra le case colorate della Corricella scrostate dalla salsedine. E
proprio in mezzo a quei contrasti, in quell’imperfetta perfezione che riporta a
galla ferite non rimarginate ma anche ricordi di infinita dolcezza, cullato
dalla brezza che profuma di limoni, capperi e ginestre e dal brontolio
familiare della vecchia Dyane della madre, Andrea trova finalmente il suo
equilibrio. Sullo sfondo di un’isola dal fortissimo immaginario letterario, Lorenzo Marone racconta una storia di
grande potenza narrativa, intima e al tempo stesso universale.

Lorenzo Marone. Nato a Napoli nel 1974, ha
pubblicato La tentazione di essere felici
(Longanesi, 2015; Premio Stresa 2015,
Premio Scrivere per amore 2015, Premio Caffè corretto città di Cave 2016,

16 traduzioni all’estero), che ha ispirato un film, La tenerezza, con regia di Gianni Amelio; La tristezza ha il sonno leggero (Longanesi, 2016; Premio Como
2016), da cui verrà tratto un film omonimo con regia di Marco Mario De Notaris;
Magari domani resto (Feltrinelli,
2017; Premio Selezione Bancarella 2017);
Un ragazzo normale (Feltrinelli,
2018; Premio Giancarlo Siani 2018); Tutto sarà perfetto (Feltrinelli, 2019)
e il saggio Cara Napoli (Feltrinelli,
2018). Collabora con “la Repubblica” di Napoli con una rubrica fissa dal titolo
“Granelli”. Vive a Napoli con la moglie, il figlio e la bassotta Greta.




Secondo posto per Nardella ai Campionati Italiani Cadetti e Giovani

Buoni risultati per gli atleti del Circolo Schermistico Dauno. Decimo e quattrodicesimo posto per Mastrullo e Buenza. Lo scorso weekend si sono disputati a Lecce i Campionati Italiani Cadetti e Giovani, che hanno visto tra i protagonisti gli atleti del Circolo Schermistico Dauno. Emanuele Nardella si piazza al secondo posto nella sciabola maschile cadetti, cedendo solo in finale con Lorenzo Ottaviani (15-7). In precedenza l’atleta foggiano aveva superato Marco Galetti (15-8), Leonardo Tocci (15-14) e Pietro Bertola (15-11). Nella sciabola cadetti buone prove anche per Marco Mastrullo e Ciro Buenza, che chiudono le loro prove al 10° e 14° posto. Tra gli altri Andrea Guida conclude al 32°, Nicola Guascito al 39° e Arnaldo Piserchia al 42°. Gli atleti Marco Mastrullo e Ciro Buenza hanno disputato anche la finale Giovani, conquistando rispettivamente il 28° e il 32° posto.

Nel fioretto maschile cadetti Marco Virgilio conclude all’ottavo posto, dopo aver battuto nell’ordine Giulio Lombardi (15-14) e Tommaso Faedo (15-12) prima di cedere a Enrico Zanatta nell’assalto valido per l’accesso al podio (15-8). Il Circolo Schermistico Dauno si complimenta con tutti gli atleti e con i tecnici Benedetto Buenza, Emidio Rinaldi e Francesca Zurlo presenti a bordo pedana.

Foto Bizzi/Trifiletti




Il Pascal celebra i suoi alunni più attivi nella sua VIII Edizione del Gran Galà 2019

“L’esperienza di godere di
uno stato di benessere psicologico e di scoprire e costruire progressivamente
la propria identità è connessa, in larga misura, alla possibilità di vivere in
un clima interattivo che appaghi i bisogni personali di appartenenza, di stima
e d socialità, e che offra l’opportunità di conoscersi e di sviluppare le
proprie funzioni adattive e di controllo nel contatto e nel confronto con gli
altri” 
(Franta Colasanti). 

Alla fine dell’anno scolastico il B. Pascal
vuole premiare i sui alunni più meritevoli. Vogliamo far passare l’idea
educativa che dopo l’impegno arriva sempre la soddisfazione dei riconoscimenti.

Dopo la festa del Diploma ecco arrivare il
Gran Galà per celebrare i tanti meriti di questi ragazzi che si fanno
apprezzare anche a livello nazionale.

            Pertanto oggi presso la Biblioteca del Pascal
si svolto il Gran Galà 2019.Cerimonia
di premiazione degli alunni che si sono distinti nelle attività culturali e in
quelle sportive.

Sono Intervenuti per la premiazione dei ragazzi:

la Dirigente Scolastica, prof.ssa Giuliarosa Trimboli; la Dirigente
Ufficio Scolastico Provinciale prof.ssa Maria
Aida Episcopo
; il prof Michele
Trecca
il giornalista Fulvio Di
Giuseppe.




Concorso “Piccoli giornalisti crescono”. Vince il tablet Chiara Iammarino della Foscolo

L’alunna Chiara Iammarino della Foscolo si aggiudica
il premio della Prima Edizione del concorso “Piccoli Giornalisti Crescono”

Dopo l’aggiudicazione del mese di marzo l’alunna Chiara Iammarino, con il suo
articolo/lettera,
vince anche la selezione del miglior articolo dell’anno e si aggiudica la prima
edizione del premio “Piccoli giornalisti crescono” organizzato dalla redazione
del giornale scolastico ilSottosopra
e dalla redazione del giornale on line Faggia
Città Aperta.

Martedi 11 giugno 2019 alle ore 9.00 nella
manifestazione del Gran Galà che si svolgerà nell’auditorium del Pascal verrà
premiato  l
alunna Iammarino Chiara della classe 3^ I  dell’ I. C.
“Foscolo-Gabelli” di Foggia alla presenza del Dirigente scolastico Provinciale Maria Aida Episcopo e del direttore
della redazione Foggia Città Aperta
.

Il concorso, progettato in collaborazione con Foggia
Città Aperta è finalizzato ad avvicinare i giovani al giornalismo e all’arte
del raccontare i fatti quotidiani, tramite l’attività di comunicazione, per
favorire la formazione e lo sviluppo delle coscienze.

FoggiaCittAperta       
                                 
 ilSottosopra     
                               
ITE B. Pascal
Fulvio Di Giuseppe                                        Raffaele
Identi                   
             Giuliarosa Trimboli




Premiati gli studenti vincitori della prima edizione delle Olimpiadi di Economia e Finanza

Sono stati premiati ieri a Trieste gli studenti vincitori della I edizione delle Olimpiadi di Economia e Finanza, che si è svolta nelle giornate del 22 e 23 maggio.

Destinata ai ragazzi dei primi tre anni delle Scuole secondarie di II grado, la manifestazione è ideata per avvicinare i giovani ai temi economici, finanziari e di cittadinanza attiva. Al suo esordio, la gara ha registrato la partecipazione di oltre 7.600 ragazzi e di quasi 300 scuole, di cui 11 sono arrivate in finale, superando le fasi di istituto e regionali.

Le prove proposte ai 13 finalisti hanno riguardato i diversi livelli di padronanza delle competenze di Economia e Finanza, con riferimento anche agli obiettivi di Financial Literacy delle prove OCSE PISA. Durante l’anno, gli studenti, seguiti dai loro insegnanti, si sono preparati per la competizione grazie alle risorse didattiche e ai numerosi esercizi disponibili  sul sito delle Olimpiadi  (https://www.olimpiadi-economiaefinanza.it/), elaborati dal comitato tecnico scientifico costituito per l’occasione dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione, che ha promosso l’iniziativa. Del comitato hanno fatto parte associazioni disciplinari di categoria e docenti, oltre al Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF), Banca d’Italia, Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) e Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio (FEDUF).

L’ultima nata tra le competizioni promosse dal MIUR, con la media partnershipdi Rai Cultura e di Rai Scuola, si è avvalsa della collaborazione del Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, diretto dalla professoressa Annamaria Lusardi.

La premiazione ha avuto luogo presso l’IIS “Giosuè Carducci – Dante Alighieri”, nell’ambito della manifestazione “La Piazza delle Idee”, dedicata ai temi dell’educazione economica e finanziaria a scuola. Durante l’evento sono stati proposti a studenti e docenti attività laboratoriali, studi e riflessioni riguardanti, tra l’altro: l’educazione finanziaria, la storia dell’economia, le tecnologie didattiche innovative, i serious games e la loro efficacia formativa, lo sviluppo dei  processi scientifici  tecnici e storici a seguito dei quali un territorio si configura, i rapporti tra città e contesto europeo.
     
Di particolare interesse lo spazio di approfondimento dedicato a Leonardo, inserito nell’ambito delle celebrazioni del cinquecentenario della morte del genio italiano,  con una lectio magistralis del professor Gian Arturo Ferrari sul tema: “Leonardo da Vinci e lo sviluppo del pensiero scientifico in Europa”.

Gli studenti premiati

Categoria Senior

I classificato (ex aequo): Filippo Paladini, Istituto Tecnico Economico Tecnologico “Bramante Genga”, Pesaro.

I classificato (ex aequo) : Giorgia Castiglione, Liceo Scientifico “Luigi Siciliani”, Catanzaro.

III classificato: Tommaso Capriotti, Liceo Scientifico “Marie Curie”, Giulianova (TE).




Gli alunni delle classi 3C e 5G SIA del Pascal riceveranno un attestato dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro

L’Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Foggia organizza  l’evento conclusivo del percorso “Alternanza Scuola – Lavoro” in data 03/06/2019 alle ore 9:00 presso l’Auditorium della Camera di Commercio di Foggia. L’iniziativa formalizza la chiusura del percorso sviluppato negli istituti superiori di secondo grado per l’anno scolastico 2018/2019 che ha visto gli alunni del Pascal a collaborare in prima persona con i Consulenti del Lavoro. Nel corso dell’evento, agli studenti sarà consegnato l’attestato di partecipazione al Percorso “Alternanza Scuola-Lavoro”, volto alla valorizzazione dello sforzo e dell’impegno personale dimostrati dagli stessi. Pensiamo che la partecipazione all’evento sia un’occasione importante per favorire la collaborazione fra scuola e imprese e orientare gli studenti al lavoro nel proprio territorio. Inoltre, saranno presenti il Presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, Massimiliano Fabozzi, il Presidente dell’A.N.C.L. U.P. DI Foggia, Fabrizio Stefano Solomita, il Presidente dell’Associazione Giovani Consulenti del Lavoro U.P. di Foggia, Pio Paolicelli e la coordinatrice del Percorso Alternanza Scuola- Lavoro, Elisabetta D’Agnone.




Finalista al Premio Strega, il libro nel quale la scrittrice ha messo tutta la sua vita

Migro, dunque sono: Claudia Durastanti. Il romanzo di cui tutti parlano

Martedì 28 maggio, ore 19. Nello spazio live della Ubik di Foggia uno dei migliori libri di questo 2019. Nata a Brooklyn, di origini lucane e residente a Londra, l’autrice presenta “La straniera” (La nave di Teseo)

 

Incipit n.1: Mia madre e mio padre si sono conosciuti il giorno in cui lui ha cercato di buttarsi da ponte Sisto a Trastevere. Incipit n.2: Mio padre e mia madre si sono conosciuti il giorno in cui lui ha cercato di salvarla da un’aggressione davanti alla stazione Trastevere. Un doppio inizio e, subito, un piccolo mistero: Ognuno dei due fa partire la storia dicendo che ha salvato la vita all’altro. Bastano quattro pagine per accorgersi del talento e un’intera storia per viverlo con intensità: è La straniera (La nave di Teseo, 2019) di Claudia Durastanti, secondo la critica italiana tra i migliori romanzi di questo 2019, finalista al Premio Strega e già apprezzatissimo dai lettori. Martedì 28 maggio, alle ore 19, per la prima volta a Foggia, la scrittrice nata a Brooklyn ma di origini lucane, attualmente residente a Londra, incontra il pubblico della Ubik per presentare il romanzo di cui tutti parlano, quello nel quale ha messo tutta la sua vita. A conversare con l’autrice, il direttore artistico della libreria, Michele Trecca.

 

La straniera (La nave di Teseo, 2019; 285 pagine). “La storia di una famiglia somiglia più a una cartina topografica che a un romanzo, e una biografia è la somma di tutte le ere geologiche che hai attraversato”. Come si racconta una vita se non esplorandone i luoghi simbolici e geografici, ricostruendo una mappa di sé e del mondo vissuto? Tra la Basilicata e Brooklyn, da Roma a Londra, dall’infanzia al futuro, il nuovo libro dell’autrice di Cleopatra va in prigione è un’avventura che unisce vecchie e nuove migrazioni. Figlia di due genitori sordi che al senso di isolamento oppongono un rapporto passionale e iroso, emigrata in un paesino lucano da New York ancora bambina per farvi ritorno periodicamente, la protagonista della Straniera vive un’infanzia febbrile, fragile eppure capace, come una pianta ostinata, di generare radici ovunque. La bambina divenuta adulta non smette di disegnare ancora nuove rotte migratorie: per studio, per emancipazione, per irrimediabile amore. Per intenzione o per destino, perlustra la memoria e ne asseconda gli smottamenti e le oscurità. Non solo memoir, non solo romanzo, in questo libro dalla definizione mobile come un paesaggio e con un linguaggio così ampio da contenere la geografia e il tempo, Claudia Durastanti indaga il sentirsi sempre stranieri e ubiqui. La straniera è il racconto di un’educazione sentimentale contemporanea, disorientata da un passato magnetico e incontenibile, dalla cognizione della diversità fisica e di distinzioni sociali irriducibili, e dimostra che la storia di una famiglia, delle sue voci e delle sue traiettorie, è prima di tutto una storia del corpo e delle parole, in cui, a un certo punto, misurare la distanza da casa diventa impossibile.

 

Claudia Durastanti. Nata a Brooklyn nel 1984, è scrittrice e traduttrice. Il suo romanzo d’esordio Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra (2010) ha vinto il Premio Mondello Giovani; nel 2013 ha pubblicato A Chloe, per le ragioni sbagliate, e nel 2016 Cleopatra va in prigione, in corso di traduzione in Inghilterra e in Israele. È stata Italian Fellow in Literature all’American Academy di Roma. È tra i fondatori del Festival of Italian Literature in London. Collabora con “la Repubblica” e vive a Londra.

 




Per la prima volta sul Gargano “L’Open Water Challenge FIN”

Tutto pronto per la manifestazione sportiva di rilevanza Regionale e Nazionale di Nuoto in Acque Libere che coinvolgerà sportivi professionisti ed amatoriali e diversamente abili in una giornata PLASTIC FREE

Appuntamento con il nuoto il prossimo 22 Giugno a Lido del Sole (Rodi Garganico) che vedrà la tipica sabbia fine e dorata calpestata, per la prima volta sul Gargano ed in Provincia di Foggia, da appassionati ed esperti nuotatori provenienti da tutto il Sud Italia per la Tappa del Circuito Federale regionale ed interregionale “Open Water Challenge Fin” e la “Tappa nazionale del Campionato Italiano di Nuoto promozionale e di Nuoto per Salvamento in Acque Libere”.

Teatro di questo evento di rilievo è Lido del Sole, il cui nome riflette proprio la conformazione urbanistica dell’ambiente cittadino: tante villette a schiera posizionate a raggiera, quasi come se fosse un sole splendente in terra tra colorati bouganville e profumati agrumeti. Un luogo incastonato tra il lago di Varano, il più grande specchio d’acqua costiero italiano, e borghi caratteristici come Rodi, Carpino e Vico del Gargano.

La manifestazione sportiva si suddividerà in due momenti:

  • Tappa del Circuito Federale regionale ed interregionale “Open Water Challenge FIN”. La gara si svolgerà per la distanza gara di un percorso di 1.800 mt circa (1 miglio marino). Essa vedrà la partecipazione di atleti tesserati Fin per la disciplina del Nuoto di Fondo provenienti dalla categoria degli Esordienti A (13 anni) a quella più adulta dei Master (dagli under 25 agli over 65).
  • Tappa nazionale del Campionato Italiano di Nuoto promozionale e di Nuoto per Salvamento in Acque Libere. Questa è una disciplina nata recentemente, si basa sul concetto di “pratica sportiva normalizzata”,  nella convinzione che lo sport migliori la qualità della vita, anche e soprattutto in persone con disabilità intellettive e relazionali. La gara prevede la partenza dalla spiaggiacorrendo per 25 mt  e poi nuotando per i successivi 25 mt, dove raggiunta una boa posizionata in mare ad una distanza di 50 mt totali, si vira e si ritorna a riva verso il traguardo.

La regia dell’evento è dello stabilimento balneare “Lido Blu Marine” che opera sul Gargano dal 1992, e che è diventato negli anni, una delle maggiori realtà di pregio del territorio. Tra i sui riconoscimenti anche “L’Oscar delle spiagge italiane” come “miglior lido all’italiana”, un vanto per questa regione che con i suoi 800km di costa è uno dei principali attrattori turistici italiani. Coorganizzatori rilevanti di questo OPEN sono Aquarius Piscina Canosa Soc. Sportiva Dilet. S.R.L., L’ATAS “Associazione di tutela ambientale, turistica, sportiva, culturale, e ricreativa” ed il Comune di Rodi Garganico.

Partner tecnici e fondamentali della giornata sono il Comitato Regionale Puglia della  Federazione Italiana Nuoto per il settore Nuoto di Fondo (FIN Puglia), FISDIR – Federazione Italiana Sport Paralimpici degli intellettivo relazionali.

Inoltre la giornata sarà totalmente PLASTIC FREE. Sempre il Lido Blu Marine in collaborazione con l’Associazione Legambiente FestambienteSud di Monte Sant’Angelo e Sannicandro Garganico , lavoreranno per sensibilizzare l’opinione pubblica su una delle più gravi emergenze ambientali dei nostri tempi: l’inquinamento da plastica.  Durante l’evento verrà dimostrato come è possibile abbandonare la plastica monouso e sostituirla con materiali che la natura ci offre, per vivere una vita ecosostenibile. Durante la giornata si effettueranno delle attività ludiche che coinvolgeranno tutte le fasce di età dai più piccoli ai più grandi che aiuteranno i partecipanti ad adottare dei metodi di raccolta differenziata divertenti.

In conclusione sarà una giornata strepitosa che toccherà vari aspetti, un momento di unione per tutti, dagli sportivi più sfegatati, agli amatoriali ai diversamente abili sino alla  possibilità di far capire l’importanza dello sport e della natura cercando di vivere una vita rispettando l’ambiente.