Foggia-Casarano 1-1. Demeriti del Foggia o meriti del Casarano?

Il Foggia non riesce a portare i 3 punti a casa e
col Casarano si ferma all’1-1. Rossoneri che hanno giocato un’ottima partita ma
che non sono riusciti a concretizzare qualche occasione che avrebbe sicuramente
permesso ai ragazzi di Ninni Corda di terminare la partita con un risultato
diverso. Iadaresta firma la rete del momentaneo vantaggio rossonero al 78’
minuto. Il Casarano risponde con una rete di Mattera dopo soli 5 minuti. Foggia
che ora si trova al secondo posto in classifica ad un solo punto dal primo
posto occupato ora dal Bitonto. Prossima partita col Nardò Domenica prossima!




“Infinite cose da fare in così poco tempo”

È così che ritorna su gli schermi di Netflix la seconda stagione di “Baby”, serie tv italiana basata proprio su un fatto di cronaca ovvero le baby squillo del Parioli, disponibile già dal 18 ottobre.

Le protagoniste sono Alice Pagani e Benedetta Porcaroli, che interpretano rispettivamente Ludo e Chiara, ma saranno accompagnate da figure adulte già abbastanza conosciute come Isabella Ferrari e Claudia Pandolfi.

Baby dimostra essere la serie italiana più vista su Netflix e a mio parere questo è dato soprattutto dal cast molto funzionante e da come vengono trattate alcune tematiche molto forti come l’adolescenza, il rapporto con la famiglia in quel periodo, la prostituzione e l’omosessualità.

Però nonostante i suoi aspetti positivi, Baby tende ad avere l’obiettivo di nascondersi e non svelare al mondo chi realmente si è. Un altro aspetto è il confronto con altre serie adolescenziali, infatti sembra proprio giocarsela con Élite o 13 mettendo però da parte le lotte di classe sociale e concentrandosi maggiormente sul rapporto contrastante con le famiglie. Ci sarà la terza stagione? Ci sarà, ma non è stato ancora confermato dal grande schermo di Netflix.   




Una nuova figura nelle hit del Natale: chi sarà?

Il natale si avvicina e a voler entrare nelle hit del periodo è Robbie Williams che presenta il suo primo album di Natale: The Christmas Present.

È stata annunciata per il 22 novembre l’uscita del primo album natalizio di Williams composto da due dischi: Christmas Past e Christmas Future.  L’album è stato scritto e registrato in varie ambientazioni tra cui Londra, Los Angeles e Vancouver.  Lo troviamo già disponibile in pre order e sarà in vendita in più versioni: in CD, in digitale e in vinile.

Entrambi i dischi saranno caratterizzati da grandi classici natalizi e brani inediti ma soprattutto da tanti duetti, tra cui uno proprio con suo padre, Peter Conway.

Sarà Robbie Williams in testa alle classifiche natalizie?




L’autrice LUISA SORDILLO al Pascal per la presentazione del libro VOCE DI SALE

Il libro narra in forma di romanzo l’esperienza di una mamma a cui un giorno le maestre della scuola d’infanzia che frequentano i suoi due gemelli dicono che il maschietto si comporta in modo strano e diverso dagli altri bambini. Da allora comincia un’esperienza dura ed a volte dolorosa: gli anni successivi saranno un confronto continuo con una parola che forse prima lei conosceva a stento: autismo, un disturbo del neurosviluppo di cui non si conoscono ancora le cause e che può condizionare in modo rilevante la vita di chi ne è affetto. Lei e il marito reagiscono in modo diverso, lui per un po’ continua a negare che il figlio abbia un serio problema poi quando intuisce la gravità della situazione non ce la fa ad affrontarla e si allontana dalla famiglia, lei dopo un momento di sconforto reagisce ed anche grazie a delle figure positive che si sono avvicinate a lei riesce ad accettare la particolarità del figlio ed a entrare nel suo mondo ed a capire il suo punto di vista in tante situazioni in cui il suo comportamento sembra bizzarro o inadeguato. Bizzarro sembra essere una parola chiave per Luisa, ci ha ricordato che viene dallo spagnolo antico e vuol dire prode, coraggioso ed in effetti coraggiosi e spavaldi ci sembrano queste persone quando ignorano convenzioni ed ipocrisie sociali, quel coraggio che dovremmo avere tutti davanti a ciò che diverge dalla norma e che tendiamo istintivamente a non accettare.




LA SETTIMANA DELLE DONAZIONI #ioleggoperché 2019

Un’iniziativa nazionale a sostegno delle biblioteche scolastiche. Dona uno o più libri. Quando? Dal 19 al 27 ottobre.

Recati nella tua
libreria di fiducia, scegli il libro o il libro che vuoi donare, fatti dare
l’adesivo su cui è possibile scrivere una piccola dedica, un messaggio, e se
vuoi il tuo nome, e affidati al tuo libraio o ai messaggeri che incontrerai in
giro (li riconoscerai dalle loro magliette e dal sorriso sgargiante).

Tutti possiamo, nel nostro piccolo, essere d’aiuto: condividiamo l’evento
sui nostri social con l’hashtag #ioleggoperchéparliamo
del progetto
 ad amici e parenti, teniamoci aggiornati consultando
i canali ufficiali dell’evento.

Insomma, partecipiamo! Possiamo farlo in prima persona.

Regalare un libro a qualcuno è come regalare un viaggio meraviglioso.

Noi ci impegneremo, e voi?




Monteleone di Puglia. Progetto inclusione extracomunitari

Le classi 3C
e 4C del nostro istituto si sono recate presso il comune di Monteleone di
Puglia che ha avviato già da tempo due progetti Sprar (il Sistema di protezione
per richiedenti asilo e rifugiati) che permettono agli stranieri accolti dalla
Comunità di integrarsi e di sentirsi inclusi nel nostro Paese.

Il sindaco
Giovanni Campese intende trasformare il paese in una comunità vocata all’accoglienza
integrata, un laboratorio in cui sperimentare la pratica della pace e della
nonviolenza.

Questa
attività è resa possibile grazie all’aiuto di psicologici, assistenti legali,
di istruttori e personale addetto ad aiutare gli immigrati  a superare gli estremi disagi e sofferenze che
hanno dovuto subire per giungere fin qui.

Nel paese
sono presenti due centri di accoglienza, uno per i minori e l’altro per gli adulti,
in modo da assicurare loro una casa per un periodo di circa sei mesi per i
secondi e fino al compimento del diciottesimo anno di età per i primi.

Ai giovani è
data la possibilità di studiare l’italiano,  fare sport e molti hanno trovato un’occupazione
come operai manovali, camerieri, barbieri e nelle imprese di pulizie; i bambini
frequentano la scuola e tutte le attività ludico-ricreative.

Si tratta di
un progetto intraprendente e coraggioso 
che speriamo possa estendersi anche in tante altre comunità.




Torna in Capitanata la giornalista, tra le voci più autorevoli in materia. La Siria, un’inchiesta di denuncia e d’amore

Il reportage di Laura Tangherlini. Sabato 19 ottobre, ore 19, alla Ubik. Le voci del popolo siriano nel nuovo libro della conduttrice di Rainews24  

L’autrice, pluripremiata per le sue inchieste da inviata, presenta “Matrimonio
siriano. Un nuovo viaggio”

La Siria e la sua gente al centro di un nuovo reportage sul
campo, scritto e vissuto da una delle giornaliste e massime esperte in materia,
autrice di un libro che non è solo inchiesta, ma anche denuncia e amore per un
popolo. Torna in Capitanata Laura
Tangherlini
, giornalista e conduttrice di Rainews24, protagonista dell’incontro di sabato 19 ottobre, alle ore 19, nello spazio live della libreria Ubik di Foggia, dove presenterà una
nuova e approfondita pubblicazione su un argomento di stringente e urgente
attualità: Matrimonio siriano. Un nuovo
viaggio
(Rubettino, 2019). A conversare con l’autrice, vincitrice di
numerosi premi di taglio giornalistico soprattutto per i suoi reportage dalla
Siria, sarà il direttore de Il Mattino di
Foggia
, Antonio Blasotta. In
mattinata, alle ore 11, Laura Tangherlini sarà inoltre al Teatro U. Giordano per un incontro con le scuole della città
organizzato dal Comune di Foggia, mentre in serata, dopo l’appuntamento in
libreria, l’autrice sarà ospite dei Lions
– Umberto Giordano
a Casale Cisternino.

Matrimonio siriano. Un
nuovo viaggio

(Rubettino, 2019; Prefazione di Gian Antonio Stella. Introduzione di Corradino
Mineo). Come si sopravvive da profughi
siriani?
Come e dove si è accolti? Da cosa si scappa? Quanto restano forti,
dopo otto anni di conflitto, la nostalgia e il ricordo? Il ritorno è davvero
una possibilità? La guerra è davvero finita? Ci sono buoni e cattivi? Le
risposte a queste domande dalle voci delle vere vittime, di chi scappa e di chi
ha paura a tornare. Il loro dramma in un libro di inchiesta, denuncia e amore. Matrimonio siriano, un nuovo viaggio
nasce dai viaggi benefici di due neo-sposi e dal bisogno di verità e giustizia di una giornalista. Comincia
quando Laura Tangherlini, assieme al marito cantautore Marco Rò, ha voluto
organizzare in chiave completamente benefica per i profughi siriani le sue
nozze in Umbria, incontrando e aiutando poi quegli stessi profughi in Libano e
Turchia. E termina in Giordania, dove l’autrice torna, da sola, per continuare
il suo progetto di ascolto e soprattutto di aiuto concreto verso quel popolo di
cui si era innamorata nel 2009, soggiornando a Damasco per studio. Al dito
ormai la fede e sulle spalle chili di aiuti propri e inviati da tanti
conoscenti e telespettatori che negli anni hanno seguito e sostenuto questo
molteplice viaggio d’amore, colorato da momenti di festa, racconti dolorosi,
incontri musicali, personali iniziative benefiche e il duro lavoro di alcune
ong tra cui Terre des Hommes, Un Ponte
per, Avsi, Intersos, Vento di Terra, Uisp, Ai.Bi. Amici dei Bambini, Kids for
Paradise, Amal for Education
. Una
nuova finestra di verità aperta su un mondo che i nostri media ci fanno
ignorare.

Laura Tangherlini. Giornalista e conduttrice di
Rainews24, muove i primi passi nella redazione de «Il Resto del Carlino». Dal
2008 conduce i notiziari del canale all
news Rai
ed è redattrice ed inviata della redazione Esteri. Ha scritto tre
libri dedicati alle conseguenze soprattutto umanitarie del conflitto siriano: Siria in fuga (2013, premi Fiuggi Storia 2013 ed Enzo Biagi 2015), Libano nel baratro della crisi siriana
(2014, premio Cerruglio 2015) e Matrimonio siriano (2017), con allegato
documentario (www. matrimoniosiriano.com) per il quale ha vinto i premi: Montale
fuori di casa
(2018); Universum
donna
(2018); Caravella (2018)
per solidarietà e impegno civile; Javier
Valdez
(2018) per il giornalismo di inchiesta. È ambasciatrice di Ai.Bi.
Amici dei Bambini e Ambasciatrice di Pace della International University of
Peace.




Centinaia di colloqui, grande entusiasmo e voglia di esserci: successo per Orienta Puglia 2019

Roberto Andreani, funzionario del Dipartimento Politiche giovanili e SCU: “Un grazie particolare va ai volontari di servizio civile che supportano e sostengono questo progetto”.

Migliaia di ragazzi e tanti
sorrisi nello stand del Dipartimento per le politiche giovanili e il servizio
civile universale della Presidenza del Consiglio dei Ministri all’“Orienta
Puglia 2019”, occasione di confronto tra studenti e mondo del lavoro e della
formazione che si è conclusa oggi all’Ente Fiera di Foggia.

Roberto Andreani, funzionario del
Dipartimento, ha coordinato presso lo stand i giovani volontari impegnati a
realizzare progetti di Servizio Civile Universale nella provincia di Foggia.

Tanti, nella tre giorni, gli
studenti desiderosi di conoscere meglio il Servizio Civile, per i quali il
Dipartimento ha programmato percorsi di orientamento. I ragazzi hanno potuto
effettuare brevi incontri per verificare i propri interessi, per essere
indirizzati sui progetti che maggiormente corrispondono alle proprie
aspettative ed effettuare una simulazione di un colloquio di selezione.

Nelle prime due giornate, grazie
alla collaborazione di Provincia di Foggia, Ce.S.eVo.Ca., ASL Foggia, ACLI,
Salesiani per il Sociale e all’associazione Papa Giovanni XXIII, sono stati
effettuati oltre 160 colloqui di orientamento e molti altri ne sono stati
realizzati nel corso dell’ultima giornata.

“Un grazie particolare –
sottolinea Roberto Andreani – va ai volontari di servizio civile che supportano
e sostengono questo progetto”. Tra questi, i giovani del progetto “Biblioteca
in ospedale”, promosso dal Ce.s.eVo.Ca. di Foggia, con il Centro Studi Diomede
di Castelluccio dei Sauri e la Misericordia di Foggia. Maria Chiara, Domiziana,
Elisabetta, Danilo e Jacopo sono stati invitati nel corso dell’intera
manifestazione a testimoniare ai propri coetanei l’esperienza che stanno
vivendo, con l’obiettivo di informare gli studenti su tutti i dettagli relativi
alla durata e alla modalità di partecipazione. E sono stati in ottima
compagnia.

“Sono stata contenta di
raccontare la mia esperienza di volontariato ad altri ragazzi come me”,
racconta Danila delle ACLI. “Ho trovato questa esperienza – sottolinea Giada
della Parrocchia Sacro Cuore di Gesù – un importante momento di crescita
personale perché mi ha portata ad essere più estroversa nei confronti delle
persone facendo accrescere la mia consapevolezza”.




Una giornata in rosa per la prevenzione. Un sabato di solidarietà e riflessione con Il Cuore Foggia

Tutto pronto per la maratona in programma il 19 ottobre a Parco San Felice. Nel pomeriggio, salotto culturale dal titolo “Un Nastro Rosa e un Naso Rosso” a Santa Chiara.

Parte la lunga volata rosa. Tutto
pronto a Foggia per la “Maratona in rosa”, la corsa di solidarietà delle donne
per le donne che si svolgerà sabato 19 ottobre a Parco San Felice in occasione
dell’“Ottobre Rosa”, il mese dedicato alla prevenzione del cancro del seno.

La manifestazione ludico-motoria,
organizzata da Il Cuore Foggia, con il patrocinio dell’Amministrazione
Comunale, è finalizzata a sottolineare l’importanza dell’anticipazione
diagnostica che, grazie a controlli periodici e regolari, permette di
sconfiggere il cancro della mammella nel 90% dei casi. L’iniziativa rappresenta
un atto di solidarietà per testimoniare la vicinanza alle donne che lottano per
un tumore al seno.

La Maratona partirà alle ore 10.00
da Parcocittà e proseguirà con due giri del parco, con la compagnia dei Clown
Dottori che contribuiranno a rendere la manifestazione più allegra. Concluderà
l’iniziativa ludica il sorteggio con premi in palio messi a disposizione da
vari sponsor, tra i quali Eurocoppe, Profumerie Gattullo, Farmacia Santino,
Informatica Discount, Profumeria Tomaiuolo, Hair Touch Parrucchieri,
Abbigliamento Outsider Moda.

I partecipanti alla Maratona
dovranno indossare una maglietta rosa e ritirare un biglietto numerato al
momento dell’iscrizione; il ticket permetterà, con la donazione simbolica di un
euro, di partecipare all’estrazione dei premi. Il ricavato verrà utilizzato per
l’acquisto di termocuffie per la chemioterapia.

All’iniziativa collaborano ERA
sezione Foggia, Radio Club Marconi, con l’impegno attivo della presidente Miria
Spadaccino, Foggia Social Club, ERA Ambiente per la Safety, La Nuova
Misericordia per il supporto sanitario, Gama e Andos.

La giornata della prevenzione de
Il Cuore proseguirà nel pomeriggio nel Chiostro di Santa Chiara, dalle ore
16.30 alle 19.00, con un salotto culturale dal titolo “Un Nastro Rosa e un Naso
Rosso”, con il patrocinio del Comune di Foggia, del Policlinico di Foggia e
dell’Unifg – facoltà di Medicina e Chirurgia.

Interverranno Marcello Di Millo,
senologo responsabile Breast Unit; Maurizio Di Bisceglie, dirigente medico del
reparto di Oncologia; Antonio Cinquesanti, Dirigente medico Anestesia e
Rianimazione; Raffaele Ivan Cincione, medico specialista in Endocrinologia e
Malattie Metaboliche, ricercatore e docente dell’Università di Foggia; Antonio
Petrone, psicologo oncologico; Loreta Ricotta, estetista oncologica; Betta
Valeri dell’ANDOS e Maria Rutigliano di GAMA. Madrina del convegno sarà Flora
Baldi, giornalista e conduttrice televisiva.

La location del Chiostro di Santa
Chiara, in occasione dell’evento, sarà colorata di rosa con luci, palloncini e
fiori grazie all’organizzazione de Il Grande Cuore eventi e all’omaggio
floreale de Il Giardino del Conte.

All’iniziativa hanno contribuito
altre realtà associative come ERA, ERA Ambiente, ERA Cisa, Radio Marconi,
Foggia Social Club.




Simboli, significati nascosti, esoterismo; i segreti della Reggia di Caserta

“Un evento dopo il quale non
guarderai più un monumento come prima”

Venerdì 18 ottobre,
ore 19, alla Ubik di Foggia. Focus inedito alla scoperta dei misteri della
famosa struttura

Tiziana
Barrella, coautrice insieme con Alessandro Meluzzi, presenta il libro sulla
celebre opera vanvitelliana
           

Una
guida misterica di una delle strutture più belle del mondo, realizzata da un
team di esperti in grado di trasformare la visione della meravigliosa Reggia di Caserta in uno straordinario messaggio a cielo aperto. Storie, miti,
curiosità, percorsi iniziatici, statue, giochi d’acqua: tutto racchiude uno speciale simbolismo, interpretato allo scopo di
offrire al lettore e al visitatore un viaggio nel tempo, un modo del tutto
nuovo di guardare un monumento o un’opera d’arte. È l’intento del libro Culture esoteriche e significati nascosti. I
segreti della Reggia di Caserta
(Libraio, 2019), scritto da Alessandro Meluzzi e Tiziana Barrella, oggetto della
presentazione in programma venerdì 18
ottobre
, alle ore 19, nello spazio live della libreria Ubik di Foggia. A spiegare agli appassionati di storia e opere
d’arte alcuni dei significati celati all’interno della meravigliosa opera
vanvitelliana, sarà l’avvocato Tiziana
Barrella
, esperta del settore e chiamata a tracciare un ponte tra la
contemporaneità e il Settecento, con il fine di svelare tutto ciò che volevano
comunicare i nostri regnanti di allora.

Culture esoteriche e
significati nascosti. I segreti della Reggia di Caserta
(Libraio, 2019). “Un evento dopo il
quale non guarderai più un monumento o un’opera d’arte come prima”. Segreti, misteri, messaggi celati e
simboli nascosti: uno straordinario viaggio all’interno di un’opera monumentale

che, da residenza di un sovrano già di per sé fascinosa, è stata dai maestri
del Settecento trasformata in un messaggio a cielo aperto rivolto ai posteri.
Simbolismo esoterico, antiche tradizioni orientali, mitologia, studio dei
numeri, significato simbolico delle piante, riferimenti astrologici e molto
altro; tutto viene messo insieme dagli studiosi dell’epoca per far comprendere
che in realtà, nessuna cultura o tradizione è in conflitto e tutto è frutto di
un’unica grande conoscenza. Il celebre palazzo vanvitelliano è la sintesi
tridimensionale di tutte quelle ipotesi che hanno sempre asserito di non vedere
confini geografici o temporali tra le varie conoscenze, seppur lontanissime fra
di loro e sebbene diffuse in epoche diverse. La Reggia di Caserta è un vero e proprio percorso iniziatico, un
gioco suggestivo di statue, di opere collocate in spazi che indicano un cammino
specifico da seguire, di capolavori pittorici, di decorazioni marmoree e
parietali, di giochi d’acqua e fontane in cui il messaggio nascosto, una volta
compreso, darà al lettore la possibilità di osservare tanta magnificenza con
nuovi occhi, consentendogli quindi di capire tutto ciò che lo circonda come non
ha mai fatto prima.