1

Volpe: “La partita di sabato sarà abbastanza insidiosa”

Ecco le parole di Giacomo Volpe, portiere del Foggia, in conferenza stampa.

Prima di far il portiere, giocavo come difensore. Durante un partita ho capito che dovevo fare il ruolo di portiere. È un ruolo che comporta molte responsabilità. Gli allenamenti con il mister stanno andando bene, tecnicamente sono maturato parecchio. Zeman è diverso dagli altri allenatori, chiede cose che gli latri non chiederebbero mai. Ci stiamo preparando bene per la partita di sabato, sarà abbastanza insidiosa. Mi sto trovando bene a Foggia, è una piazza che vive il calcio a 360 grandi.




Foggia-Virtus Francavilla: ecco come acquistare i tagliandi per assistere alla gara

L’11 dicembre si terrà Foggia-Vibonese allo Stadio Pino Zaccheria, alle ore 17:30.

Il Calcio Foggia ha comunicato le modalità di acquisto dei tagliandi per assistere al match.

Saranno disponibili dalle ore 17:00 del 09/12/21 su https://www.vivaticket.com/it/biglietto/serie-c-21-22-foggia-calcio-foggia-virtus-francavilla/172355 su Vivaticket, ai punti vendita autorizzati Vivaticket e al botteghino dello Stadio Pino Zaccheria.

I prezzi dei tagliandi

  • TRIBUNA V. NOCERA CENTRALISSIMA – €50,00
  • TRIBUNA V. NOCERA SUPERIORE CENTRALE – €35,00
  • TRIBUNA V. NOCERA SUPERIORE LATERALE- €30,00
  • TRIBUNA V. NOCERA INFERIORE – €26,00
  • TRIBUNA EST(GRADINATA) – €18,00
  • CURVA NORD – €10,00
  • CURVA SUD-€10,00
  • CURVA NORD OSPITI-€10,00

Ai prezzi dei tagliandi va aggiunto il diritto di prevendita.

I tagliandi riservati ai tifosi della squadra ospite potranno essere acquistati solo da residenti nella provincia di Brindisi.
I residenti nella provincia di Brindisi non possono acquistare tagliandi nei settori riservati ai tifosi locali. La vendita per i tagliandi dei tifosi ospiti si chiuderà alle ore 19 del 10/12/21.

Gli spettatori che acquisteranno i tagliandi per assistere alla gara dovranno seguire le seguenti disposizioni:

  • Munirsi di documento di riconoscimento (in corso di validità) e di Certificazione verde COVID-19 (Green Pass) da mostrare al personale preposto al controllo;
  • obbligo di misurazione della temperatura corporea all’accesso da parte del personale preposto;
  • rispettare categoricamente i posti assegnati sul biglietto per garantire il distanziamento di un metro tra uno spettatore e l’altro;
  • obbligo di indossare la mascherina a protezione delle vie respiratorie per tutta la durata dell’evento ed evitare qualsiasi tipo di assembramento.

I cancelli verranno aperti alle 15:30, si raccomanda i tifosi di recarsi allo stadio con largo anticipo per evitare assembramenti e di mantenere sempre la distanza di sicurezza in caso di fila all’ingresso.




Scuola, percorsi quadriennali: al via nuove mille prime classi.

Al via il rinnovo e l’ampliamento del Piano nazionale per la sperimentazione di percorsi quadriennali di istruzione secondaria di secondo grado. Sul sito del Ministero dell’Istruzione è infatti disponibile, da oggi, l’avviso destinato alle scuole che consente la costituzione di mille nuove classi. L’allargamento della sperimentazione viene attivato in coerenza con gli obiettivi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il PNRR.

I percorsi quadriennali sperimentali assicurano l’insegnamento di tutte le discipline previste dall’indirizzo di studi di riferimento, compreso l’insegnamento trasversale dell’Educazione civica, facendo ricorso alla flessibilità didattica e organizzativa consentita dall’autonomia delle istituzioni scolastiche, alla didattica laboratoriale, all’adozione di metodologie innovative, alla didattica digitale e all’utilizzo di tutte le risorse strumentali e professionali disponibili nell’organico dell’autonomia.

Secondo quanto previsto dall’avviso pubblicato oggi sul sito del MI, potranno presentare progetti di innovazione metodologico-didattica finalizzati alla realizzazione dei percorsi quadriennali:

le istituzioni scolastiche che organizzano percorsi di istruzione secondaria di secondo grado, sia statali che paritarie, riferiti agli indirizzi di liceo e di istituto tecnico, che saranno avviati a partire dall’anno scolastico 2022/2023;

le istituzioni scolastiche che organizzano percorsi di istruzione professionale, che saranno avviati a partire dall’anno scolastico 2023/2024.

Sarà possibile fare domanda, per l’attivazione dei percorsi sperimentali, da oggi e fino alle 23.59 del 4 gennaio 2022.




La fine del Barcellona

Adesso sì può dire a gran voce, senza timore di essere più smentiti: è finita un’epoca del calcio.
Non riguarda soltanto il Barcellona, ma tutti gli amanti del calcio, tutti gli amanti del bello. Basti pensare a chi, con questa squadra, ha iniziato a calciare un pallone, a chi con la sua storia è cresciuto e ha vissuto la sua adolescenza, a chi è diventato uomo e non riesce a credere che i “blaugrana” siano ormai solo un indelebile ricordo.
21 anni dopo il Barcellona è al tramonto di quella che è stata una delle più belle e gloriose pagine della storia del calcio mondiale.
35 trofei in 16 anni, nell’era Messi, e pensare che nei prossimi sarà utopia poter pensare di vincere soltanto uno, fa davvero male.
È doveroso ringraziare il club che ha esportato un’idea nuova di pensare il calcio, la rivoluzione è passata da loro, da lì : gioco, spettacolo, stelle ma anche vivaio e “4-3-3” fin dalla culla.
Il Barcellona in fondo era un bambino di Milano, Nairobi, Giacarta o Rio de Janeiro che sognava e tifava per quella nave di marziani che aveva un 10 come condottiero pronto a rappresentarla e condurla alla gloria, Leo Messi.
E adesso ci si ritrova all’inferno fatto di debiti, di inesperienza, di calciatori che non sono all’altezza del peso di quella maglia.
“Ci hanno sottomesso. È la dura realtà. Ho detto ai giocatori che da oggi inizia una nuova era”.
È in queste parole pronunciate da Xavi Hernández che riponiamo la fiducia di tornare a sorridere e divertirci guardando quella squadra che tanto abbiamo odiato da avversari e tanto abbiamo amato da inguaribili romantici del “fútbol”.




 “Foggia Festival Sport Story”, largo ai motori. Da V. Rossi a Ralph De Palma

A cura di Fondazione Monti Uniti, Ubik, Piccola Compagnia Impertinente e Biblioteca. Ultimo libro in rassegna giovedì 9 dicembre a “La Magna Capitana” con Marco Ciriello

Sabato 11, proiezione del film su “L’uomo più veloce del mondo”: da Biccari a Indianapolis

Dopo la tre-giorni interamente dedicata ai libri di calcio e aperta dal giornalista Riccardo Cucchi, che il 1° dicembre ha ricevuto anche il premio Il racconto dello sport per la sua luminosa carriera, il Foggia Festival Sport Story chiude all’insegna dei motori. Si torna in Biblioteca “La Magna Capitana” dove, giovedì 9 dicembre, dalle ore 18, lo scrittore e giornalista Marco Ciriello presenta il suo nuovo libro dal titolo Valentino Rossi. Il tiranno gentile (66thand2nd, 2021): un gradito ritorno al Festival per l’autore napoletano che, nel 2019, presentò lo splendido romanzo Maradona è amico mio. L’incontro è previsto in sala narrativa dove avrà luogo un focus espositivo dedicato alla collana Attese della casa editrice 66thand2nd (l’unica in Italia specializzata in narrativa sportiva), realizzata anche grazie alla donazione della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia: per l’occasione, infatti, la direttrice della Biblioteca, Gabriella Berardi, inaugurerà ufficialmente la sezione denominata Foggia Festival Sport Story. Anche in questa occasione gli attori della Piccola Compagnia Impertinente daranno vita ad alcune incursioni teatrali ispirate al libro, mentre a conversare con Marco Ciriello sarà il giornalista Michele Carelli.

Chiude questa prima sessione dicembrina della kermesse una proiezione filmica completamente gratuita, in programma sabato 11 dicembre, alle ore 18, nell’Auditorium della Biblioteca (e non, come inizialmente previsto, presso L’Altrocinema Cicolella). Si resta in ambito di motori ma le ruote diventano quattro e la storia affonda nientemeno che nella leggenda, come emerge dal titolo del film protagonista della serata: Ralph De Palma. L’uomo più veloce del mondo. Diretto dal regista Antonio Silvestre, ispirato all’omonimo libro di Maurizio De Tullio, il lungometraggio (del 2020) racconta la vita del campione automobilistico di Indianapolis nativo di Biccari che, nel 1915, vinse la folle 500 Miglia americana. Infine, dopo la pausa natalizia, il Foggia Festival Sport Story – che raggruppa due edizioni in una, la V e la VI – torna a gennaio 2022, nei giorni 22, 23, 29 e 30, con lo spettacolo Acqua, Acqua, Acqua! di Adelmo Monachese: una produzione della Piccola Compagnia Impertinente in collaborazione con il Teatro dei Limoni, diretta e interpretata da Pierluigi Bevilacqua e Roberto Galano. Gli ingressi agli eventi sono liberi ma, come da ultima deliberazione, è necessario possedere ed esporre il Super Green Pass.




Grande successo per l’evento promosso da Profumi e Balocchi

Profumiamo la Musica, il concerto olfattivo conquista il pubblico. De Flumeri: “Una scommessa vinta con la sinestesia tra musica classica e profumo”.

Grande successo per il debutto di Profumiamo la Musica, il “concerto olfattivo” andato in scena per la prima volta a Foggia venerdì 3 dicembre nella splendida cornice dell’Auditorium Santa Chiara.

Una sinestesia tra musica e fragranze, un sodalizio tra udito e olfatto, un evento unico nel suo genere ideato da Daniela e Valeria De Flumeri, titolari di Profumi e Balocchi Profumeria Artistica, pioniere nel campo della divulgazione culturale olfattiva.

Protagoniste dell’evento le fragranze Perris Monte Carlo, veri capolavori nel mondo del profumo, rappresentate da Alessandra Asnaghi, International Brand Manger del marchio monegasco ideato da Gianluca Perris.

Sala gremita per la manifestazione artistica che ha conquistato il consenso del pubblico tornato a fruire in presenza di un evento di elevata caratura culturale. Sul palco un parterre musicale di calibro chiamato ad interpretare i sei atti che hanno raccontato i temi olfattivi: Pasquale Rinaldi, flauto, Andrea Saracino, marimba, Giovanni Astorino, violoncello, Dino De Palma, violino e Nunzio Aprile, pianoforte.  Bis musicale con le note magiche e arcaiche della cornamusa, una performance fuori programma a chiusura della parte concertistica.

Sulle note profonde e struggenti della musica classica il pubblico ha potuto degustare personalmente le note olfattive delle fragranze monegasche: dalla famiglia fiorita a quella legnosa-orientale passando per quella fruttata e dolce, un viaggio sensoriale grazie alla potenza evocativa del suono e degli odori.

L’olfatto è il senso che non ha filtri – ha dichiarato Alessandra Asnaghi da Monaco a Foggia per Perris Group – tutto quello che sentiamo arriva direttamente al cervello provocando in ognuno di noi delle emozioni, dei ricordi, delle sensazioni particolari. Spero che i nostri profumi vi abbiano emozionato quanto la splendida musica che li ha accompagnati”.

Una platea entusiasta, una scommessa vinta: “La risposta del pubblico ha superato ogni aspettativa – ha commentato Daniela De Flumeri alla chiusura del sipario – per questo ringrazio i nostri clienti, gli sponsor e tutti coloro che hanno creduto in questo evento. La città è pronta all’innovazione, c’è voglia di cultura e bellezza, la musica e i profumi sono sicuramente un’accoppiata vincente in questo senso. Lavoreremo sicuramente su eventi simili”.

Non poteva mancare anche l’omaggio al gusto: l’evento, che ha avuto il tocco artistico di Lucy Petrucci, si è concluso con un cocktail party per un brindisi finale con pregiate etichette locali. Ad intrattenere gli ospiti un’insolita disc jockey vintage, un’ultima sorpresa di classe che ha rispecchiato il mood dell’evento.

Profumiamo la Musica è un format promosso da Profumi e Balocchi Profumeria Artistica. Dopo gli studi in Francia, Daniela e Valeria De Flumeri portano in città la profumeria di nicchia offrendo ai propri clienti fragranze realizzate da nasi specializzati e da maestri artigiani. A differenza della profumeria tradizionale, le fragranze artistiche non seguono la moda del momento. I profumi sono opere d’arte capaci di interpretare emozioni impalpabili in viaggi sensoriali olfattivi. Diventano il “vestito” di ogni persona in quella combinazione unica che sboccia tra le materie prime naturali e l’incontro con la pelle di chi lo indossa. Dal 1998 Profumi e Balocchi è un punto di riferimento per chi desidera fragranze uniche e alta profumeria per la skincare e la bellezza del proprio volto ma soprattutto per chi ama viaggiare con i sensi attraverso “passeggiate olfattive” alla scoperta del profumo giusto per sé. Da qui anche le attività di divulgazione della cultura olfattiva che affiancano le attività di vendita di Profumi e Balocchi, rendendola una realtà unica sul territorio.




Ultimo appuntamento della seguitissima rassegna Musica Civica – Conversazioni tra suoni e parole 2021

 DOMENICA 12 DICEMBRE al Teatro Giordano di Foggia la conversazione Capolavori con l’ex CT della nazionale di pallavolo Mauro Berruto

A seguire il raffinato concerto Canzoni in bianco e nero con la meravigliosa voce di Petra Magoni e il pianista Andrea Dindo

Vendita biglietti al botteghino del Teatro dalle 17
Ingresso dalle 17.30 e inizio spettacolo alle 18

Musica Civica si conferma una delle iniziative più seguite ed apprezzate della Capitanata. Con i suoi otto appuntamenti da settembre a dicembre, la rassegna, che unisce musica e parole, danza e circo, canto e teatro, è stata capace di riportare il pubblico in teatro, rendendolo di nuovo protagonista attivo di variegati spettacoli dal vivo, che hanno riscosso un successo al di sopra di ogni aspettativa.

L’ultimo appuntamento della rassegna Musica Civica – Conversazioni tra suoni e parole è in programma per domenica 12 dicembre al Teatro “Umberto Giordano” di Foggia.

Lo spettacolo si apre con la conversazione di Mauro Berruto intitolata Capolavori. Berruto, nume tutelare del volley italiano, coach della nazionale medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Londra, è anche un uomo di inesausta ed eclettica curiosità. Laureato in Filosofia, con una specializzazione in Antropologia Culturale frutto di una ricerca sul campo in Madagascar, Berruto è anche giornalista, conduttore televisivo, romanziere, amministratore delegato della Scuola Holden di Alessandro Baricco. In quest’ultima veste ha pubblicato Capolavori – Allenare, allenarsi, guardare altrove (ADD Editore, 2019), da cui è tratta la lecture-show che sarà proposta nella serata di Musica Civica.

La conversazione di Berruto permette di approfondire l’accezione del termine “capolavori”, troppo spesso associata all’arte, alla pittura, alla scultura, all’architettura, e poco alle imprese sportive. In realtà, allenare una squadra è un compito che va ben oltre ciò che si possa immaginare, perché si configura come pratica quotidiana capace di mettere insieme persone, trasformarle in gruppo e orientarle verso l’obiettivo. Berruto, perciò, ci accompagna nel viaggio di chi sogna di vincere una medaglia o, semplicemente, vuole esprimere il proprio talento e costruire il proprio personale capolavoro.

Non meno affascinante la parte musicale della serata, che propone la meravigliosa voce di Petra Magoni, accompagnata al pianoforte da Andrea Dindo. Le loro Canzoni in bianco e nero prendono spunto dalle musiche di Kurt Weill e dal teatro musicale della Berlino della Repubblica di Weimar, per poi dirigersi oltre Oceano, negli Usa di Cole Porter e dei tre decenni (anni ’30, ’40 e ’50) in cui il cinema e le sue musiche diventano colonne sonore della vita di più generazioni. Canzoni dalla cifra emotiva inconfondibile, in un percorso che passa senza sforzo dall’intimismo più lirico al cabaret.

Domenica 12 dicembre, a partire dalle ore 16, sulla pagina Facebook dell’Associazione Culturale Musica Civica, andrà in onda l’ultima puntata di “Resto a casa con”, il format in diretta che introduce gli appuntamenti della rassegna con approfondimenti, interviste, conversazioni. L’appuntamento di domenica 12 dicembre, in diretta dal Teatro “Umberto Giordano” di Foggia, sarà condotto da Enrico Ciccarelli e avrà come ospite Mauro Berruto, relatore della stessa serata al Teatro Giordano.

La rassegna Musica Civica, diretta dal M° Dino De Palma,gode del sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Puglia FSC 2014/2020 Patto per la Puglia – Investiamo nel vostro futuro, del patrocinio del Comune di Foggia e del Teatro “Umberto Giordano”, oltre che dei contributi di soggetti privati come la Fondazione dei Monti Uniti di Foggia, la Fondazione Apulia Felix, il Gruppo Salatto, l’azienda Capobianco, la Banca Mediolanum e l’azienda Fortore Energia.

L’ingresso è possibile con abbonamento o mediante l’acquisto del biglietto.

I biglietti dello spettacolo sono in vendita presso il botteghino del Teatro Giordano domenica 12 dicembre dalle ore 17.00 (costo variabile da 8 a 12 euro a seconda dell’ordine di posto; il pagamento può essere effettuato esclusivamente in contanti). I biglietti possono anche essere prenotati contattando il numero 328 1588160.

È necessario recarsi agli spettacoli muniti di Green Pass, di propria mascherina e attenersi alle norme sul distanziamento e ai protocolli di sicurezza, come da norme vigenti in materia di prevenzione del Covid-19.




The 8th Continent

Lo hanno chiamato l’Ottavo Continente, “The 8th Continent”, ideato dall’architetto Lenka Petrakova e, in futuro, potrebbe essere una soluzione innovativa per pulire una gran porzione di oceano.

Si tratta di un progetto che prevede la creazione di un gran laboratorio di ricerca in mezzo al mare, pensato per consentire a chi ci salirà a bordo, di viverci, lavorare, mangiare, dormire e studiare.

 Si tratta di una stazione marina simile ad un fiore di loto metallico, progettato per galleggiare sul mare, seguendo le correnti oceaniche, ed è stato modellato per diventare un “organismo vivente completamente autosufficiente”.

Il compito di questa grande invenzione sarà quello di pulire un’area marina di almeno 1600 km quadrati, e caratterizzata da un’alta densità di rifiuti di plastica. Le tre lunghe braccia che si vedono nelle immagini, che dovrebbero richiamare la forma di tentacoli, raccoglieranno i rifiuti di plastica che poi verranno riciclati attraverso un sistema complesso, per essere convertiti in elettricità.

In cima ci saranno tre centri di ricerca e sotto degli spazi contenenti giardini idroponici ed un impianto di desalinizzazione dell’acqua. I petali della struttura ospiteranno gli alloggi dei lavoratori e i vari spazi dove i rifiuti verranno raccolti, smistati e riciclati.

Al momento i materiali giusti per la costruzione non sono ancora stati identificati, ma ciò non ha impedito ai creatori di lanciare il progetto sul mercato per attrarre potenziali investimenti.

@Cristian de Filippo