1

Kina, il giovane produttore italiano ospite all’Università di Foggia

Il giovane produttore Kina, originario di Acerra, che a 22 anni ha già in tasca un contratto con l’etichetta americana Columbia Records e milioni di streaming nel mondo, è stato ospite questa mattina del dipartimento di scienze umane dell’UNIFG,

Kina, alla vigilia del lancio del suo ultimo brano, farà parlare di sé in occasione della Wellness Marathon, firmata proprio Unifg.

Una grande opportunità per gli studenti, che avranno l’occasione di intervistarlo e scoprire le emozioni e le esperienze che ispirano le note rilassanti, malinconiche e romantiche dei suoi brani, come “Get You The Moon”, che lo ha portato al successo e che attualmente vanta più di 770 milioni di stream su Spotify.

Lo straordinario successo di Kina è fonte di ispirazione per gli studenti universitari, che per un giorno intero, dal 12 al 13 maggio saranno impegnati nelle attività della Wellness Marathon, un momento dedicato alla creatività, alla sfida, al problem solving, alla formazione e alla crescita.

https://www.unifg.it/it/ateneo/salute-sicurezza-benessere/progetto-benessere-probe/wellbeethon-maratona-del-benessere-unifg

e per chi volesse iscriversi:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdBgpf0d1MGQyMfcb5MVtNKP5LEElKOeIxN6Ixpm12GKOfQpA/viewform

@Cristian de Filippo




Ristagno, un EP per imparare a galleggiare  

Lo spiazzante esordio di Specchio

Ristagno” è l’EP d’esordio di Specchio, progetto solista della musicista e producer leccese Annalisa Vetrugno. Un pugno di brani schietti e spigolosi in cui le sonorità mutano fra alt-rock, noise e post punk, per andare, senza filtri, alla sorgente nera delle proprie vulnerabilità.

In questa lettura lo specchio d’acqua in cui si riflette Narciso restituisce un immagine di cui non ci si può innamorare, un riflesso scuro e distorto che confonde i connotati. Una sorta di rituale per esorcizzare una palude di esperienze e concetti irrisolti lasciati a macerare per troppo tempo. Da eventi personali questo lavoro cerca di raggiungere una narrazione più universale che trasmetta un senso di riscatto e una spinta a riemergere dalle proprie profondità per poter respirare meglio.

La traccia omonima al progetto funge da introduzione a questo breve viaggio in cui la voce quasi sussurrata di Annalisa ci porta brano dopo brano sempre più nell’oscurità della sua introspezione. Si accelera velocemente con il picco Synth Punk di “Gelatina” da cui gradualmente rallentiamo di nuovo con il Post Punk acido di “Merito” e l’arrendevole dissonanza di “Arte Divinatoria“. Concludiamo simbolicamente con il crescendo sospeso di “Disgelo“, una flebile speranza, in queste acque torbide qualcosa ancora si muove.

Dopo varie esperienze, alla produzione e nella formazione live di numerosi progetti, qui Annalisa sceglie di comporre, suonare, produrre e finalizzare in totale autonomia, una forma di autarchia rara che rende questo lavoro particolarmente efficace e personale. L’EP verrà stampato in un edizione limitata in tape da Non Ti Seguo Records.




Chiusa la 14esima edizione del Concorso Giordano. Tutti i nomi dei vincitori del Talent Voice

«Sono stati bravi questi ragazzi, li ho trovati pieni di talento e personalità; si nota l’impegno e l’amore che mettono in ciò che fanno. Questi concorsi incoraggiano ad esibirsi, a incontrare altri musicisti e a provare a mettersi anche un po’ in discussione, in gioco, a capire i propri limiti e qualità: godetevi questi momenti, prima di diventare professionisti, perché sono cose che rimangono».

Così Irene Grandi ha salutato e incoraggiato sul palco del Teatro del Fuoco di Foggia i vincitori del Talent Voice – canto moderno “Premio Gino Sannoner” del 2022.

La cantautrice toscana, presidente di giuria, ieri ha ascoltato 41 concorrenti decretando 16 vincitori, tra cui diversi duo e con il suo intervento alla premiazione ha chiuso la 14esima edizione del Concorso nazionale musicale “Umberto Giordano” che si è svolta dal 2 al 5 maggio.

«Sono state quattro giornate intense di musica e di talento – ha commentato Gianni Cuciniello, presidente del contest e rappresentante dell’Associazione “Suoni del Sud”, organizzatrice del Concorso Giordano – tant’è che siamo stanchi per il continuo emozionarci».

Soddisfatto delle oltre mille iscrizioni il direttore artistico Lorenzo Ciuffreda: «Dopo due anni terribili per la musica – ha detto – questa è una vera ripresa: abbiamo avuto concorrenti arrivati da diverse regioni e perfino un coro di centodieci bambini da Cerignola».

Ieri sera sul palco della cerimonia di premiazione c’erano anche Nicola Gatta, presidente della Provincia di Foggia, ente co-organizzatore, Gianni Rotice, sindaco di Manfredonia, che ha dato la disponibilità ad accogliere un concerto estivo dei vincitori del Talent Voice, Giuseppe D’Urso, presidente del Teatro Pubblico Pugliese, partner insieme alla Fondazione Musicalia della Fondazione dei Monti Uniti, e dall’avvocata Alessia Cifaldi, in rappresentanza del Premio 10 e lode, istituito dall’avvocato Fabio Verile. Infine, era presente Francesco Cinquepalmi, capo area Puglia-Molise del Banco BPM, main partner del Concorso.

Il Premio della critica è stato assegnato al duo composto da Simona Di Molfetta e Letizia Fornelli, mentre il “Premio 10 e lode” è stato conferito a Francy Colonna per l’interpretazione. Il “Premio Clab Studio”, che consiste in un videoclip con la registrazione del proprio singolo, è andato a Luigi Quitadamo, in arte “Il figlio di Biagio”.

La classifica vede al 1° posto Asia Bavaro nella categoria Piccole voci, in quella Under: 1° posto per Ilaria Rita Saltarelli, 2° per Annalaura Marseglia e 3° ex aequo per Antonella Brandolino e Sophia Renna.

Nella categoria Giovani: 1° posto per il duo Molfetta-Fornelli, 2° ex aequo per Francy Colonna e Giorgia Ferrandino, 3° ex aequo per Lucia RuggieriIsabel Bavaro e il duo formato da Savina Faramondi e Giulia Simonetti. Nella categoria Senior: 1° posto per Michele Mundo, 2° per Luigi Quitadamo (Il figlio di Biagio) e 3° per Manuela Raduano (Nela). Infine, nella categoria Senior: 1° posto per Francesco Mucelli e 2° per Alfonso Filippone.

Ad attendere tutti i vincitori c’è una masterclass di canto moderno con Maria Grazia Fontana, che si svolgerà il 7 maggio alla Pinacoteca 9cento di Foggia, un concerto estivo a Manfredonia. Inoltre, incideranno un brano di “Amore, Guerra e Pace”, il quinto Cd ufficiale del concorso.

La kermesse era partita lunedì scorso con le selezioni dei concorrenti delle sezioni Solisti, Orchestre, Coro e Musica d’Insieme. Mercoledì è toccato alla sezione Drums: oltre 60 batteristi si sono esibiti davanti alla giuria presieduta da John Riley.

Le ultime due giornate sono state trasmesse in diretta streaming grazie alla collaborazione con la Warning Film e la Sps (Servizi per lo spettacolo) di Massimo Russo, che anche quest’anno hanno dato alle audizioni le caratteristiche di uno show televisivo. La presentazione è stata affidata a Cristian Levantaci, mentre la premiazione del Talent Voice è stata condotta dalla speaker di Radionorba Alessia Cuppone.




Ultima giornata del 14° Concorso nazionale musicale “Umberto Giordano”

La quarta e ultima giornata del 14° Concorso nazionale musicale “Umberto Giordano” vedrà esibirsi i finalisti del Talent Voice, la sezione canto moderno.

Oggi, infatti, sul palco del Teatro del Fuoco di Foggia si alterneranno 41 cantanti provenienti da diverse regioni. A valutare le loro performance sarà la giuria presieduta da Irene Grandi. Ad affiancarla ci saranno il direttore artistico del Concorso Giordano, Lorenzo Ciuffreda, e il presidente Gianni Cuciniello.

Intanto ieri si sono svolte le selezioni dei finalisti della Sezione Drums. Il presidente di giuria John Riley e i maestri Claudio Santangelo e Alessandro Napolitano, insieme a Cuciniello e Ciuffreda, hanno ascoltato 61 batteristi, arrivati oltre che da altre province pugliesi, anche da Lazio, Calabria e Molise.

Il “Premio G. Clementino Santangelo”, che consiste in una borsa di studio di 200 euro, è stato assegnato a Nicoletta Quitadamo, che ha ricevuto anche una targa dalle mani di Claudio Santangelo, nipote del notissimo batterista foggiano, in rappresentanza della famiglia.

Anche quest’anno la classifica finale presenta molti ex aequo: categoria A (6-9 anni): 1° Michelangelo Scimia, 2° Stefano Frigerio e Giuseppe Ciuffreda, 3° Mattia Ricco, Carlo Diurno, Onofrio Grifa, Federico Carbellesi, Gabriel Perlangeli, Francesco Ciuffreda, Andrea Conversano e Gabriele Inguscio; categoria B (10-15 anni): 1° Lucrezia Benedetto, Armando Massariello, Vincenzo Tarantino, Francesco Maria Ruotolo, Luca Stipani; 2° Roberto Malcangio, Mirco Pellegrino, Nicola Basso e Rocco Diglio; 3° Mattia Tondolo, Francesco Fioravante, Jonathan Naviglio, Stefano Palumbo e Dario Delvecchio; categoria C (16-22 anni): 1° Nicola D’Auria, Nicoletta Quitadamo, 2° Marco Camardella, Maria Luisa Grillone, 3° Jonathan Taranto, Giulio D’Urso, Felice Mummolo, Michele Montaruli, Samuele Farnitano e Emanuele Sgrò; categoria D ( 23-29 anni): 1° Giuseppe Chiarella, 2° Antonio Miglionico e 3° Domenico Palumbo; categoria E (30-36 anni) 1° Fabio Pompilio.

John Riley è rimasto piacevolmente sorpreso dai concorrenti di Foggia e di quelli giunti dagli altri comuni della Capitanata. “Questa è una provincia su cui si può scommettere, perché c’è tanto materiale umano: ci sono tanti giovani e tanta qualità”, ha detto il grande drummer americano, che ha speso molte parole di elogio anche per il Concorso Giordano: “Ho girato tanti contest – ha detto – ma veramente pochi sono come questo, con un’organizzazione perfetta”.

La presentazione di entrambe le giornate è stata affidata a Cristian Levantaci, mentre la premiazione del Talent Voice sarà condotta dalla speaker di Radionorba Alessia Cuppone.

Questa sera si conosceranno i vincitori del Talent Voice. Ad attenderli c’è una masterclass di canto moderno con Maria Grazia Fontana, che si svolgerà il 7 maggio alla Pinacoteca 9cento di Foggia, borse di studio, la possibilità di esibirsi dal vivo in concerti estivi e di prendere parte al “Recital dei Vincitori”, nonché di incidere un brano di “Amore, Guerra e Pace”, quinto Cd ufficiale del concorso. Inoltre, al migliore interprete di un brano inedito andrà il “Premio Clab Studios”, che consiste in un videoclip con la registrazione del proprio singolo.

Il Concorso musicale Giordano è organizzato dall’Associazione “Suoni del Sud”, in collaborazione con la Provincia di Foggia, lavorando in sinergia con il Teatro del Fuoco, il Teatro Pubblico Pugliese, la Fondazione Musicalia della Fondazione dei Monti Uniti e il Premio 10 e lode.




Parte il concorso nazionale musical “Umberto Giordano” al teatro del Fuoco

Il prestigioso contest che si svolge a Foggia dal 2 al 5 maggio al Teatro del Fuoco.

Ad organizzare la grande manifestazione è l’Associazione “Suoni del Sud”, in collaborazione con la Provincia di Foggia, lavorando in sinergia con il Teatro del Fuoco, il Teatro Pubblico Pugliese, la Fondazione Musicalia della Fondazione dei Monti Uniti e il Premio 10 e lode.

I concorrenti di questa edizione arriveranno da Liguria, Lombardia, Veneto, Lazio, Basilicata, Calabria, Campania e da ogni parte della Puglia. Da Caserta, in particolare,  giungeranno sia un coro che un’orchestra formati da alunni della stessa scuola.

Quest’anno sono infatti circa mille gli iscritti in totale, tra cui si contano sette cori, otto orchestre, dieci gruppi, centocinquanta solisti (pianoforte, chitarra, archi, fiati, percussioni, arpa, fisarmonica, canto lirico, chitarra e basso elettrici), a cui si aggiungono i concorrenti delle sezioni Drums  e Talent Voice.

«Siamo contentissimi – dichiarano Lorenzo Ciuffreda, direttore artistico del Concorso Giordano, e il presidente Gianni Cuciniello – perché, dopo due anni di restrizioni dovute alla pandemia e nonostante questo generale clima di incertezza causato, purtroppo, dall’orrore della guerra, la musica è ripartita davvero e non vediamo l’ora di affrontare questa sfida tutta dal vivo».

Le sezioni Solisti, Orchestra, Musica d’Insieme e Coro si esibiranno nelle giornate del 2 e del 3 maggio. La commissione esaminatrice sarà presieduta dalla violista Anna Serova, figura unica nel panorama internazionale solistico e della musica da camera, da Michele Milone, clarinettista e compositore, da Claudio Santangelo, considerato dalla critica uno dei più giovani e brillanti talenti al mondo delle percussioni soliste, ed infine da Pierluigi Camicia, grande pianista concertista.

Le iscrizioni si sono chiuse il 14 aprile scorso e subito si sono svolte le preselezioni delle  sezioni Drums e “Talent Voice – canto moderno “Premio Gino Sannoner”.

Il 4 maggio, per la finale, 65 batteristi suoneranno di fronte al famoso drummer americano John Riley che sarà affiancato da Gianni Cuciniello, Lorenzo Ciuffreda, Claudio Santangelo e Alessandro Napolitano.

Il 5 maggio avrà luogo la finale del “Talent Voice”. I 41 cantanti selezionati da Maria Grazia Fontana si esibiranno dal vivo davanti alla giuria presieduta da Irene Grandi, affiancata dal noto direttore d’orchestra e arrangiatore Alterisio Paoletti e dai maestri Ciuffreda e Cuciniello.

Tra i numerosi premi in palio, ci sono borse di studio, la possibilità di esibirsi dal vivo in concerti estivi e di prendere parte al “Recital dei Vincitori”. Tutti i vincitori del Talent Voice accederanno gratuitamente alla masterclass di canto moderno con Maria Grazia Fontana, che si svolgerà il 7 maggio a Foggia alla Pinacoteca 9cento. Infine incideranno un brano di “Amore, Guerra e Pace“, quinto Cd ufficiale del concorso. Inoltre, al migliore interprete di un brano inedito andrà il ”Premio Clab Studios”, che consiste in un videoclip con la registrazione del proprio singolo.




Il nuovo singolo dell’artista foggiano F. Curci

Esce oggi, venerdì 22 aprile, in radio e negli store digitali per l’etichetta Show in Action (distribuzione Pirames International) “CATTIVO RAGAZZO” il nuovo singolo di Francesco Curci che torna nella sua veste più audace e trasgressiva a pochi mesi da “Come Frank” con cui ha tenuto a battesimo il suo nuovo percorso artistico.Un testo “spregiudicato” in cui si racconta senza filtri a ritroso nel tempo, dall’infanzia turbolenta vissuta all’insegna dell’emarginazione «Mi lasciavano in disparte / a espiare le mie colpe / sempre nella zona rossa / come un diavolo all’inferno» e spesso segnata da episodi di violenza che ne rivelavano di volta in volta lo spirito indomito e ribelle sino agli anni della crescita che hanno visto sempre più conformarsi una personalità irriverente, che emerge più che mai in questo brano, vero e proprio canto di rivincita: «Quello che valgo adesso / io lo dimostro coi fatti / e forse l’unica cosa che posso concedervi è tutto il mio disprezzo». 
CATTIVO RAGAZZO” si muove su sonorità elettropop, a tratti dream, con contaminazioni dance anni ’90 che lo rendono potentemente catchy, in cui a farla da padrone sono sintetizzatori, drum muchine, batteria elettronica, basso, chitarre per un ritmo incalzante che conquista sin dal primo ascolto.  «È il brano della vita, quello che avrei sempre voluto scrivere per parlare di me, di ciò che sono stato e di ciò che sono oggi. Un vero e proprio identikit. È stato liberatorio scriverlo, ma ancora di più cantarlo. Finalmente sento di aver trovato la mia dimensione, la mia vera natura, nei suoni, nella voce, nella cifra espressiva. Mi appartiene più di qualunque altro brano mai scritto finora, è una seconda pelle.»



Da “Brahms a Brahms”: un viaggio per pianoforti

NEL REPERTORIO DEL GRANDE COMPOSITORE TEDESCO. VENERDÌ 22 APRILE IL DUO PIANISTICO DI. PIERLUIGI CAMICIA E VINCENZO RANA
VENDITA BIGLIETTI VENERDÌ ALL’AUDITORIUM DALLE 19

Romanticismo, tradizione classica e passione poetica nella proposta del quinto appuntamento del cartellone 2022 di Musica Felix. Sarà dedicato a Johannes Brahms il concerto che i due celebri pianisti Pierluigi Camicia e Vincenzo Rana terranno all’Auditorium Santa Chiara di Foggia il prossimo venerdì 22 aprile.

Il concerto spazierà dalle sonate alle variazioni alle danze, attingendo al vastissimo repertorio del compositore di Amburgo, la cui opera, nella Germania della seconda metà dell’Ottocento, fu spesso idealmente contrapposta a quella avveniristica di Richard Wagner. In realtà Brahms, pur difendendo la tradizione classica ed essendo pienamente iscritto nel Romanticismo musicale, fu un autore profondamente innovativo e valorizzò come pochi altri la musica popolare mitteleuropea, in particolare austriaca e ungherese.

Le sue melodie trascinanti e l’empito romantico delle sue composizioni dettarono probabilmente a Françoise Sagan, nel 1959, il titolo di uno dei suoi più celebri romanzi, «Le piace Brahms?», tormentata storia d’amore a tre da cui fu tratto un celebre film con Ingrid Bergman, Yves Montand e Anthony Perkins.

Il talento virtuosistico, il rigore e l’esperienza dei pianisti Pierluigi Camicia e Vincenzo Rana garantiscono un’esecuzione raffinata e di altissimo livello, per una serata di musica classica densa di emozioni in cui si fondono perfettamente tutti gli elementi della scrittura brahmsiana.

La rassegna Musica felix, organizzata dalla Fondazione Apulia felix Onlus in collaborazione con l’Associazione Musica Civica, gode del supporto della Regione Puglia e del Comune di Foggia.

Ingresso con abbonamento o con biglietto in vendita, secondo le disponibilità di posti, all’Auditorium Santa Chiara (Piazza Santa Chiara, 1 – Foggia) dalle ore 19.00 di venerdì 22 aprile al costo di 12 euro (pagamento esclusivamente in contanti).

Ingresso ore 19.30, inizio spettacolo ore 20.00.

L’ingresso agli spettacoli è regolato dalle normative anti Covid vigenti.




Satira e sassofoni per il quarto appuntamento di Musica Felix

L’8 APRILE ALL’AUDITORIUM SANTA CHIARA DI FOGGIA #LE PIU’ BELLE FRASI DI OSHO DI E CON FEDERICO PALMAROLI. CON LA PARTECIPAZIONE DI

FURANO SAXOPHONE QUARTET. PORTA ALLE 19.30 INIZIO SPETTACOLO ALLE 20.00. VENDITA BIGLIETTI VENERDÌ ALL’AUDITORIUM DALLE 19

È affidato alla satira il giro di boa del cartellone della VII edizione di Musica felix, giunto al quarto di otto appuntamenti.

Dopo i seguitissimi ed applauditissimi appuntamenti dedicati a Renato Carosone, Pier Paolo Pasolini e la fortuna musicale delle Quattro Stagioni da Vivaldi a Richter, venerdì 8 aprile all’Auditorium di Santa Chiara di Foggia è di scena Federico Palmaroli, il 47enne giornalista romano autore della pagina satirica social “Le più belle frasi di Osho”, che vanta più di quattrocentomila followers su Instagram e oltre un milione di likesu Facebook. Di recente, la pagina ha uno spin off televisivo, la serie “Il Santone”, con Neri Marcorée altri grandi attori del panorama italiano, disponibile sulla piattaforma RaiPlay.

La bonaria presa in giro del pensiero del mistico indiano Osho Rajneesh (che peraltro dava un grande valore all’umorismo) si traduce nell’uso di foto dell’attualità con esilaranti didascalie, quasi sempre romanesche: anche se la fa da padrone la politica, non c’è campo, dal calcio alla mondanità, che sfugga all’ironia di Palmaroli, sempre divertente e mai violenta o volgare. Lo spettacolo presenta un best of delle vignette uscite in questi anni privilegiando, naturalmente, l’attualità.

Con Palmaroli il Furano Saxophone Quartet, composto da Antonio Bruno, sax soprano Matteo Quitadamo, sax contralto, Alberto Napolitano, sax tenore, Marco Destino, sax baritono, che impreziosirà la serata con musiche appositamente arrangiate per questa particolare formazione musicale da Alberto Napolitano.

La rassegna Musica felix, organizzata dalla Fondazione Apulia felix Onlus in collaborazione con l’Associazione Musica Civica, gode del supporto della Regione Puglia e del Comune di Foggia.

Ingresso con abbonamento o con biglietto in vendita, secondo le disponibilità di posti, all’Auditorium Santa Chiara (Piazza Santa Chiara, 1 – Foggia) dalle ore 19.00 di venerdì 8 aprile al costo di 12 euro (pagamento esclusivamente in contanti).

Ingresso ore 19.30, inizio spettacolo ore 20.00.

L’ingresso agli spettacoli è regolato dalle normative anti Covid vigenti.

Con preghiera di cortese pubblicazione o notizia; grazie.

Per ulteriori info:

tel. 3929892331 – e-mail: infoapuliafelix@gmail.com – sito: https://www.apuliafelix.it/

Allegati:

–      comunicato stampa in versione word e pdf;

–      foto degli artisti;

–      foto presentazione evento dell’8 aprile;

–      breve descrizione dell’evento dell’8 aprile;

–      manifesto della rassegna Musica felix – VII edizione 2022.




“Tocca a noi ,Musica per la pace”

Grande successo per il concerto di Bologna del 5 marzo a favore di Save the children, alla presenza di oltre sette mila persone. La città ha dato vita ad un evento che solidarizza con le devastanti condizioni del popolo ucraino (nel Paese l’associazione opera dal 2014 per distribuire aiuti alle famiglie in difficoltà). Il concerto organizzato dal Comune in collaborazione con la Regione e il sostegno di Rai per il sociale, è andato in scena con un programma ricchissimo di artisti italiani presentati da Andrea Delogu. Il sindaco Matteo Lepore ha dato il benvenuto a Gianni Morandi, super star della serata, e a tutti i presenti: Elisa, Noemi, Brunori, Diodato, Gaia, Fask, The Zen Circus, Elodie, Benvegnù, Rancore. Per concludere, Ricordiamo le parole di Elisa «Quello che sta succedendo in Ucraina è disumano e questo è il momento di alzare una voce comune. La mia solidarietà va a tutti coloro che stanno soffrendo per il conflitto, ma soprattutto va ai bambini, spettatori silenziosi e protagonisti innocenti di una guerra tra adulti che subiscono ingiustamente. Non si può stare in silenzio e far finta di niente quando le scuole e gli ospedali vengono distrutti, i civili muoiono sotto le macerie, migliaia di persone sono costrette a nascondersi e scappare per proteggersi dalle bombe, e chi la pensa in maniera opposta viene arrestato e messo a tacere. Noi abbiamo una voce e dobbiamo farla sentire, uniti a Bologna e sempre» 




Dasko el nino rapper foggiano: Ha qualcosa da dire a tutti i ragazzi della sua città

Il rapper foggiano Dasko El Ninò (Dante Scopece) classe ’97, tramite i suoi canali social, il 9 marzo 2022, ha comunicato l’inizio di un nuovo viaggio. 
Questo percorso lo ha dedicato a tutti i ragazzi come lui, che ogni giorno, passo dopo passo, cercano di emergere in una città come Foggia. Le sue parole: “Questo nuovo percorso, è dedicato a tutti perché siamo nati qui ed abbiamo una grande responsabilità, quella di poter e dover cambiare le cose in una prospettiva migliore. Chi va via non fugge, ma è consapevole che da soli non si può cambiare nemmeno uno spicchio di mondo e quindi cerca il suo posto altrove. – conclude – Restare non vuol dire fallimento, restare vuol dire voglia di cambiamento.”Proprio oggi 31 marzo 2022, esce un nuovo singolo “Pensieri”, dedicato a tutte le persone che non ci sono più e avrebbero voluto dare un grande contributo alla nostra realtà. Tramite questa canzone il rapper vuole trasmettere la determinazione nell’inseguire qualcosa, nonostante le varie difficoltà che viviamo ogni giorno. Il video girato interamente a Foggia, dove si possono vedere le principali piazze della nostra città e l’aeroporto – spiegano gli autori – abbiamo voluto iniziare il video con immagini relative al nostro aeroporto che da anni è chiuso e di certo non è un bene per il turismo e per far crescere la nostra Foggia. Dopo l’uscita del singolo siamo riusciti ad intervistarlo: Dopo anni cosa ti fa continuare: Ci vuole una grande forza di carattere – che si forma solo con il tempo e i momenti di sconforto- per prendere decisioni difficili, e a volte sconvolgenti.
Un messaggio che vuoi dare a tutti i ragazzi come te: Allora – in questa grande “catena dell’essere”  potete inseguire la fama, ma questo non significa che la conquisterete o che una volta che l’avrete ottenuta scoprirete che è esattamente come ve la immaginavate. Allo stesso modo, potete inseguire il denaro o quel fantasma chiamato carriera, dicendo: “Voglio solo arrivare abbastanza in alto da poter fare quello che mi piace”.Ma la verità è che potete CERCARE di fare quello che vi piace anche OGGI, e se non ci riuscite oggi non ci riuscirete neanche domani, nè altrove.
LINK DELLA SKIT: https://www.instagram.com/tv/Ca40QmCDfZ8/?utm_medium=copy_link
LINK CANZONE: https://youtu.be/mFTwkFiasO4