image_pdfimage_print

Infrastrutture portuali: una minaccia per l’ambiente

Viviamo in un mondo dove una grandissima parte dei prodotti che compriamo vengono quotidianamente importati dall’estero. I mezzi utilizzati per il trasporto merci sono numerosi, eppure, basandoci su un rapporto tra carburante consumato, distanze e carico trasportato, le navi cargo sono considerate il sistema di trasporto più efficiente. Da un tale sistema di trasporto le aspettative sono innumerevoli, eppure basti pensare che 15/20 di queste navi inquinerebbero quanto tutte le auto al mondo. Nonostante ciò le navi cargo occupano l’80% del settore dei trasporti commerciali mondiali, ma purtroppo non è…

Continua a leggere

Metano sopravvalutato

Il CH4, meglio noto come metano, si era presentato come la fonte energetica “di transizione” in attesa di decarbonizzare i nostri Paesi. Le premesse, sostenute dalla ridotta emissione di sostanze inquinanti (NOx e particolato) e meno CO2 l’avevano reso il gas serra per eccellenza. Inutile dire che ci veniva presentato senza l’altra faccia della medaglia, infatti una volta rilasciato nell’ambiente quest’ultimo avrebbe un impatto sul riscaldamento globale 21 volte superiore a quello del CO2, senza tener conto della sua responsabilità per quanto concerne l’incremento dell’effetto serra, pari al 18%. Dall’ultimo…

Continua a leggere

Transizione ecologica: gli obiettivi del PNRR

Sono ormai mesi che sentiamo parlare di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), ma quanti dei 191,5 miliardi stanziati verranno utilizzati per l’ambiente? Il Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (RPF), composto da 6 missioni, prevede per la rivoluzione verde, la transizione ecologica e le infrastrutture per una mobilità sostenibile quasi 85 miliardi, di cui circa 35 verranno gestiti direttamente dal ministero della transizione ecologica. L’importanza di questi investimenti è rappresentata dalla necessità di lasciare un Paese più verde e un’economia più sostenibile alle generazioni future, con particolare attenzione…

Continua a leggere

Piste ciclabili: un investimento necessario

È evidente, con il passare del tempo le attenzioni della nostra società verso il cambiamento climatico stanno aumentando, e con esse anche le persone che ogni giorno scelgono alternative sostenibili per i loro spostamenti.Tuttavia, per far sì che le bici si affermino anche in Italia come mezzo prescelto c’è bisogno di un miglioramento delle infrastrutture. Le piste ciclabili infatti sono un punto cruciale per la mobilità sostenibile, rappresentata principalmente da autobus a zero emissioni e servizi di car e bike sharing. Un miglioramento dei servizi pubblici in questa campo andrebbero…

Continua a leggere

Una mobilità sostenibile mal distribuita

Ridurre le emissioni di Co2 è ormai visto dalla maggior parte delle nazioni come un obiettivo centrale. In questo campo la mobilità condivisa ha certamente un ruolo fondamentale, in quanto promette attraverso la micromobilità una riduzione dell’impatto negativo dei trasporti sull’ambiente. Sono passati ormai 20 anni dalla nascita dei primi servizi di bike e car sharing. Al giorno d’oggi queste modalità di trasporto si stanno allargando ad una clientela sempre più ampia, alla ricerca di un mezzo sostenibile che si possa muovere rapidamente nel traffico cittadino. Basti pensare che di…

Continua a leggere

Uno spreco insostenibile

L’acqua è una risorsa fondamentale per la vita sulla terra, eppure ogni anno, nel nostro paese, perdiamo oltre 3,9 miliardi di metri cubi d’acqua. Basti pensare che ogniqualvolta apriamo un rubinetto quasi la metà dell’acqua prelevata si disperde prima di raggiungere le nostre tubature di casa. È evidente, la causa principale di queste cospicue perdite è l’invecchiamento e il deterioramento dell’infrastruttura idrica. Circa il 60% della rete idrica nazionale ha più di 30 anni e il 25% ne ha più di 50. Purtroppo questa non è l’unica criticità, infatti a…

Continua a leggere

Greenwashing, la “soluzione” della Cop26

Quante volte ci capita di ascoltare pubblicità mirate a riscattare l’immagine di un’azienda sotto il profilo dell’impatto ambientale? Con questa strategia, le imprese ci forniscono un’immagine inverosimile del loro operato sulla questione ambientale, distogliendo la nostra attenzione dagli effetti negativi delle loro produzioni. Per porre fine in maniera parziale alla problematica dell’inquinamento, le aziende hanno trovato una “soluzione”, quella di piantare alberi, finanziare impianti ad energia rinnovabile o acquistare sul mercato certificati di crediti di carbonio. Bisogna specificare che questi limiti sono imposti solo in alcuni paesi, fra cui l’UE,…

Continua a leggere

Il consumismo che distruggerà il pianeta

Viviamo in un mondo di consumismo, con il constante desiderio di soddisfare bisogni futili indotti dalla pressione della pubblicità e da fenomeni d’imitazione sociale. Questa prassi compulsiva rappresenta uno dei principali nemici dell’ambiente dato che, dopo il primo impatto che ci induce all’acquisto di un prodotto ci accorgiamo che ormai quel bene è superato, inutilizzato o non più alla moda, facendo di esso un rifiuto a tutti gli effetti. Prendiamo in considerazione lo smartphone che, negli Stati Uniti viene cambiato in media ogni 26 mesi. Ciò vuol dire che mediamente…

Continua a leggere

Emissioni di metano, un biglietto di sola andata

La prima parola che ci viene in mente quando pensiamo alla crisi climatica è probabilmente “CO2”, ma quello di cui spesso non teniamo conto sono le emissioni di metano, la seconda causa del riscaldamento globale al quale contribuiscono per almeno il 25%. Il problema è stato messo in risalto in un rapporto dell’IPCC, il quale ha reso cosciente la Commissione Europea che ha reagito positivamente, a seguito di una votazione, a ridurre le emissioni di metano. Il tutto verrà specificato a dicembre, quando l’esecutivo UE presenterà misure aggiuntive a tal…

Continua a leggere

Itinerari eco-sostenibili: il nuovo progetto di Google

Google ha implementato per tutti gli abitanti degli Stati Uniti una nuova funzione, che renderà ecosostenibili gli spostamenti quotidiani. Si stima che arriverà anche in Europa nel 2022, consentendo una diminuzione delle emissioni di carbonio per oltre 1 milione di tonnellate. Nel dettaglio Maps mostrerà come predefinito il percorso più sostenibile, senza ricadute negative sulla quantità di tempo impiegata nei tragitti. L’obiettivo di Google è quello di rendere le persone consapevoli dell’impatto ambientale scaturito dalle loro scelte. Questa campagna ha dato vita a molte altre realtà, che se utilizzate in…

Continua a leggere