image_pdfimage_print

Vincitori Premio Piccoli giornalisti crescono

Prima Edizione Concorso “Piccoli giornalisti crescono”Chiara Iammarino Istituto Foscolo-Gabelli di Foggia vincitoreAnno Scolastico 2018/19 Dicembre 2018Cognetti Barbara, Forchignone Giosuè, Imperiale Vittorio, Morese Francesco, Viggiano Francesco Paolo, Wu Rongjie Istituto Santa Chiara–Pascoli-Altamura di Foggia Gennaio 2019Ex aequo Marco Rinaldi Istituto Da Feltre–Zingarelli di Foggia e Classe 3B Istituto Martin Luther King di Monteleone Febbraio 2019Chiara Iammarino Istituto Foscolo-Gabelli di Foggia Seconda Edizione Concorso “Piccoli giornalisti crescono”Martina Piccirilli Istituto De Amicis-Pio XII di FoggiaAnno Scolastico 2019/2020 Novembre 2019Cristian De Filippo Istituto G. Bovio di Foggia   Dicembre 2019Alessandro Nunziante Istituto Foscolo-Gabelli di Foggia Gennaio 2020Giorgia Pintomarro e Maria Rita Sisto Istituto Marcelline di Foggia Febbraio 2020Martina Piccirilli Istituto De Amicis-Pio XII di Foggia…

Continua a leggere

Ingiustizia taciuta. Avere il coraggio di raccontare

 Molte sono le ingiustizie taciute che accomunano un po’ tutti noi, perché chi non ha mai assistito ad un’ingiustizia taciuta? Sicuramente molti di noi non hanno mai avuto il coraggio di denunciare come non l’ho avuto io. Questa è una storia che non avrei voluto mai ricordare e per la prima volta la racconterò con un po’ di tristezza e con una lacrima che scende sulla mia guancia. Un giorno di estate, precisamente il 14 luglio 2018, decisi di pranzare da mia cugina maggiore; tutto stava andando come doveva andare,…

Continua a leggere

Il mio amico Lucky

Qualche anno fa mi trovavo in vacanza con i miei genitori a Roma in visita ai musei più famosi del mondo, ai monumenti che ne hanno fatto la città più bella ed interessante a livello storico-culturale. Passeggiando un pomeriggio, m’imbattei in una scena che difficilmente dimenticherò: un uomo, aprendo la portiera della propria auto, lasciò cadere il suo cane in strada. Assomigliava ad un gomitolo arruffato ed il suo sguardo triste comunicava più di tante parole. Il cane oppose resistenza per non cedere agli spintoni ed ai calci del suo…

Continua a leggere

Verità è prendere posizione

I versi di Sciascia, mi hanno portato a riflettere sulla parola verità, sulla sua importanza e sul suo significato.Affermare la verità è prendere posizione, è impegno nel portare avanti ciò in cui si crede, è coraggio nelnon tornare indietro quando questa verità comincia ad infastidire qualcuno.Il rifiuto della verità infatti, parte proprio dal negare l’evidenza: qualcosa è accaduto ma nessuno lo ha vistoo lo ricorda. Se nessuno è disposto a raccontare la storia (cioè la verità), la storia non esiste più, è comesparita o mai esistita. Così nasce la mafia…

Continua a leggere

Chi è Virgola!

Oggi vi racconto di Virgola. No, non di quel tenero segno di punteggiatura trattato ingiustamente da noistudenti con eccessiva avarizia o troppa generosità! Voglio parlarvi di due profondi occhi neri, annegati inun mare di grinze mollicce, dolorosamente appoggiate su di un corpo martoriato dalle sevizie dell’uomo. Ilnostro primo incontro risale a tre anni fa e non fu certamente empatico: paura… la mia; diffidenza… la sua.Le parole rassicuranti di don Pietro, il responsabile della casa vacanza non rallentarono di certo i battiti delmio cuore! Stavo in piedi davanti alla porta del…

Continua a leggere

“Piccoli giornalisti crescono”, la vincitrice dell’anno è Francesca Santoro

Alla giovane studentessa della “De Sanctis” di Rocchetta Sant’Antonio in premio un tablet che sarà consegnato della Dirigente Scolastica Provinciale Maria Aida Episcopo È Francesca Santoro la vincitrice dell’edizione 2020/2021 del concorso “Piccoli giornalisti crescono”. All’allieva della 3E della scuola “Francesco De Sanctis” di Rocchetta Sant’Antonio andrà il premio finale: un tablet. Già vincitrice del mese di novembre – con un articolo su “La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori” –, la giovane studentessa verrà premiata giovedì 29…

Continua a leggere

Non è giusto!

Tante sono le storie taciute e non denunciate.Tutti siamo bravi a guardare e a tacere sapendo di non fare la cosa giusta: chi per paura, chi per divertimento. Sono poche e rare le volte in cui si ha il coraggio di parlare. Questa volta avevo deciso di non partecipare a questo concorso, ma ieri sera mio padre mi ha raccontato un fatto realmente accaduto 30 anni fa nella piazza del mio piccolo paesino. Parlava di un signore, con gravi problemi psichici, che vagava per strada parlando da solo. Un gruppo…

Continua a leggere

Cosa aspetti a dirlo? Per essere felici dobbiamo essere liberi

Le ingiustizie esistono ancora oggi ma il più delle volte non vengono denunciate e questo è un problema serio! Si fa finta di niente perché è più comodo ma anche perché a volte è la società che ci porta a tacere. A nostro avviso l’ingiustizia più grande è quella di non prendere in considerazione i ragazzi. Non ascoltare, non accettare e non accogliere le nostre idee. I giovani che cercano di argomentare i propri punti di vista o le proprie decisioni, non vengono considerati dagli adulti. Siamo ritenuti infantili, sciocchi…

Continua a leggere

L’ingiustizia subita da Elena

Amavo trascorrere i pomeriggi da mia nonna poiché lì c’era Elena, una ragazza albanese con una famiglia che apparentemente non nascondeva nulla: giocavamo, scherzavamo e ridevamo insieme, parlando del nostro futuro. Le dicevo che avrei voluto tanto inseguire la mia passione, la ginnastica artistica, aprendo magari una palestra tutta mia. Nei nostri discorsi, però, c’era qualcosa di strano: lei era sempre molto vaga. Mi diceva: “Vorrei tanto fare l’insegnante, chissà se me lo permetteranno”. In quel momento non riuscivo a cogliere appieno la sua frustrazione. Mi raccontava che, nonostante il…

Continua a leggere

I fratelli “dannati” del Mediterraneo

Fossati cantava: «Mio fratello che guardi il mondo/e il mondo non somiglia a te/mio fratello che guardi il cielo/e il cielo non ti guarda.» Alla data del 26 marzo 2021 sono ormai 6206 i migranti africani, perlopiù provenienti dalla Costa d’Avorio, sbarcati in Italia dall’inizio dell’anno. I migranti, nei loro paesi dove vige la schiavitù, sono costretti a vivere in condizioni non dignitose. In Congo, uomini e bambini devono stare per molte ore di fila in miniere spesso illegali per raccogliere il “Coltan”, una componente dei nostri telefoni. Sperano di…

Continua a leggere