Emiliano al seminario su salute e ambiente

image_pdfimage_print

“Il primo piano di uscita dal carbone è quello della centrale di Brindisi” dice Emiliano al seminario su “Salute e Ambiente”, avvenuto oggi nell’aula magna della Libera Università del Mediterraneo a Casamassima. Invece su Taranto il Governo non ha ancora deciso nulla di chiaro sul percorso per realizzare l’innovazione tecnologica dell’impianto.

Il presidente della regione aggiunge che c’è stato un incontro con il vicepresidente della commissione europea, Timmermans, per parlare delle strategie attraverso le quali Taranto e Brindisi, con la centrale che verrà dismessa speriamo entro il 2026 come promesso da Enel, potranno recuperare questo rapporto tra salute e ambiente che è determinante.

 Sulla transizione energetica, industriale ed ecologica, l’Unione europea, di Taranto non finanzierà nulla se il cambiamento tecnologico che consentirà la prosecuzione dell’attività della fabbrica non sarà netto rispetto al passato e se non costituirà la migliore delle possibilità per tutelare la salute delle persone. “È evidente che l’importanza che noi stiamo dando alla questione dipende anche dal fatto che l’Unione Europea ha deciso di investire la quota italiana del Just Transition Fund essenzialmente a Taranto” ha detto Emiliano al seminario.

Post recenti

Leave a Comment