Colosso Juve: il cuore non basta, Real va avanti per 3 a 1

Si è da poco conclusa a Madrid la “partita/battaglia” di ritorno per un posto in semi-finale della Champions League tra Juventus e Real Madrid, dopo la vittoria per 3 a 0 dell’andata i Blancos sono scesi in campo con un’idea del tutto sbagliata sugli avversari, infatti dopo appena 2 minuti la squadra Torinese è passata in vantaggio con un grande colpo di testa di Mandžukić, il quale metterà a segno anche il secondo gol, molto simile al primo, eguagliando la leggenda Del Piero che anch’egli mise a segno nel 2008 una doppietta in casa Madrid. Il Real sembra non riuscire a capacitarsi della situazione che vede la Juve in piena forza, spinta dal desiderio di rivincita, infatti al 60′ Matuidi firma il 3 a 0, dopo il gol la Juve si chiude troppo nella sua metà campo in una sofferente attesa dei supplementari, che purtroppo non arriveranno mai perché al 3 minuto di recupero l’arbitro fischia un calcio di rigore a favore della squadra di casa, espellendo Buffon per atteggiamenti funesto nei confronti del giudice di gara, allora ci pensa Ronaldo con la sua freddezza a mettere a segni il gol decisivo dell’1 a 3 che porta la sua squadra, seppur con grande difficoltà e dopo una partita semplicemente meravigliosa, in semifinale.

Nonostante la sconfitta la Vecchia Signora esce a testa altissima dal massimo torneo europeo, consapevole delle proprie forze e debolezze, e con una partita da ricordare come gloriosa o da dimenticare per sempre.

Post recenti

Leave a Comment