Il femminicidio…di @Miryam Palmieri

image_pdfimage_print

Il femminicidio è una forma di violenza esercitata sulla donna in ambito pubblico e privato attraverso varie forme: fisica, psicologica, sessuale.

Molte, purtroppo, oggi sono le vittime uccise da sconosciuti o partner. Diverse sono le ragioni di questa violenza maschile sulla donna, prima di tutto a sfondo passionale dove l’uomo considera la donna di sua “proprietà”. Questo deriva da un’eredità culturale arcaica.

Un altro motivo è dato dai progressi in campo sociale della donna e l’uomo sfoga nella violenza una paura profonda, un fallimento e solitudine.

La violenza domestica è molto diffusa, mira ad assumere potere all’interno di una relazione maltrattando e umiliando la donna fino alle molestie sessuali, psicologiche e perfino economiche.

Oggi sono attivi centri antiviolenza dotati anche di case rifugio come sostegno morale, legale fornendo alla donna anche un lavoro.

La data del 25 novembre ricorda le vittime per la violazione dei diritti umani contro la donna.

Per combattere e prevenire questo fenomeno è necessario educare i nostri figli nel modo giusto che permette alla donna di avere parità di uguaglianza, diritti e doveri.

Talmud: la parola talmud in ebraico significa “studio” l’intero talmud consiste in sessantatré trattati e 6200 pagine, in sostanza è un grande libro la raccolta di commenti, giudizi, pareri del popolo ebraico viene immaginato come una trascrizione di avverbi. Un esempio molto importante contro il femminicidio: chi salva la vita salva il mondo. Il talmud recita di non far piangere una donna: perché Dio conterà le sue lacrime (cioè quando è grave il peccato) esprime le lacrime come segno di disperazione emotiva creato dalla trasmissione della vita e come sofferenza. Il fenomeno Talmud è il libro più antico della Bibbia ebraica considerato la sacra parola rilevata di Dio. Impariamo a rispettare le donne ed eleveremo il mondo.

Miryam Palmieri 3 B

Post recenti

Leave a Comment