Da San Nicola a Babbo Natale

image_pdfimage_print

La leggenda narra che in un villaggio dell’odierna Turchia, Myra, viveva un uomo molto povero con le sue tre figlie. Purtroppo, in quei tempi lontani, le ragazze povere, i cui genitori non potevano permettersi la dote, avevano un solo destino: quello di obbedire e non ribellarsi.

San Nicola, saputa questa triste storia, decise di aiutare le tre ragazze. Decise di andare, in una fredda notte d’inverno, alla casa delle tre ragazze. Aveva nel suo sacco tre grandi sfere d’oro puro, scese dal suo asinello e lanciò le tre sfere nel camino della casa delle tre sorelle. Le sfere, miracolosamente, rimbalzarono sul fuoco senza incendiarsi e caddero ognuna nella scarpa di una delle tre sorelle. Così, il padre ebbe di che dare a ciascuna di loro una buona dote.

Da questa leggenda nacquero alcune usanze simboliche del Natale: i regali che scendono dal camino, che rappresenta il tramite tra la casa e il Cielo, la notte, i doni trovati nelle calze, usanza americana.

Da San Nicola a Babbo Natale, la leggenda ha subito diverse trasformazioni.

L’evoluzione definitiva, da San Nicola di Myrapoi  di Bari, al paffuto Babbo Natale del presente avviene solo agli esordi del 20° secolo, grazie alla scelta oculata di una nota bevanda “para-medicinale”, che sceglie proprio quell’immagine del 1823, affidandola però alle mani dell’artista Huddon Sundlbom, di origine svedese, che sfrutta le proprie rotondità fisiche e le esalta con i colori delle vesti di San Nicola, aumentando però la porzione di rosso a discapito della bianca veste originale medievale. 

Dopo la guerra i soldati americani importano in Europa le loro tradizioni, che prendono velocemente piede anche da noi, ed ecco quindi come quel vecchio vescovo turco, magro e quasi ascetico, che nel Medioevo italiano abbandonò il continente a bordo delle navi che andavano a nord, portandosi dietro solo la propria fama di Protettore di bambini e marinai, dopo 1000 anni è finalmente tornato  in Europa come Santa Claus, per noi l’amatissimo Babbo Natale.

@Cristian de Filippo

Post recenti

Leave a Comment