Giornata mondiale delle persone con sindrome di down, al “Notarangelo-Rosati” momenti di festa e riflessione

In programma performance musicali a cura degli studenti, con la partecipazione di Riccardo Monopoli, Shirina Spagnoli e Vincenzo delli Carri. I presidenti delle associazioni AIPD Foggia, A.Fa.D. II Bell’Anatroccolo, iFun e ANPIS Puglia porteranno le proprie testimonianze. Appuntamento a martedì 21 marzo nell’Aula Magna della scuola.

Il 21 marzo sarà una giornata speciale al “Notarangelo-Rosati” di Foggia. In occasione della celebrazione della giornata mondiale delle persone con sindrome di down, a partire dalle ore 9.30, presso l’Aula Magna di Via Napoli n. 101, ci saranno momenti di riflessione e performance musicali a cura degli studenti, con la partecipazione di Riccardo Monopoli, Shirina Spagnoli e Vincenzo delli Carri.

Dopo i saluti della dirigente scolastica Irene Patrizia Sasso, interverranno Elisabetta Chiaromonte, presidente dell’AIPD Foggia; Patrizia Liquori, presidente di A.Fa.D. II Bell’Anatroccolo; Maurizio Alloggio, presidente di iFun e Antonio Lo Conte, presidente di A.N.P.I.S. Puglia.

Nel corso della mattinata, moderata dalla docente di materie letterarie Lucia Palmieri, Silvia Fasano, educatrice tiflologica, specializzata nelle minoranze visive, presenterà il libro multisensoriale “la Genesi”.

“La Giornata Mondiale delle persone con Sindrome di Down – sottolinea la dirigente scolastica, Irene Sasso – è stata indetta dall’Onu nel 2014 per promuovere l’inclusione nella società delle persone con sindrome di down. Questa giornata si svolge in tutto il mondo il 21° giorno del 3° mese per indicare l’unicità della triplicazione (trisomia) del 21° cromosoma che causa, appunto, la sindrome di down. Questa giornata serve a ribadire che il benessere di un figlio dipende anche dall’inclusione nella società e dalla possibilità di esercitare i propri diritti: una scuola di qualità, il giusto numero di ore di sostegno, i necessari interventi riabilitativi precoci, l’opportunità di trovare un lavoro”.

Un’iniziativa importante, dunque, per approfondire il tema dell’inclusione e alla cui organizzazione hanno collaborato la  prof.ssa Rosa Perna, la prof.ssa Tiziana Piazzola, il gruppo dell’inclusione e gli  assistenti  specialistici alla comunicazione.

“Il 21 marzo – spiega la docente Lucia Palmieri – è il primo giorno di primavera; è la giornata mondiale della poesia, ma anche la giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Il 21 marzo è la giornata mondiale alle persone con sindrome di down. Ebbene, celebreremo tutto questo. Durante la mattinata ci saranno momenti di riflessione e commozione, con testimonianze di alcune famiglie, ma anche spazi di festa e musica. Per l’”ITET Notarangelo-Rosati” sarà un’occasione per sottolineare la necessità di difendere i diritti delle persone con Trisomia 21, di creare una società inclusiva per tutti, indipendentemente dalle abilità o condizioni di salute, di aprirsi all’accoglienza e al rispetto dei più deboli con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica. In questa giornata ricorderemo anche lo scienziato Jérôme Lejeune, genetista e pediatra, colui che scoprì le cause della Trisomia 21 e le cui virtù eroiche sono state riconosciute dalla Chiesa Cattolica, che lo ha onorato del titolo di “Venerabile”. Sarà l’occasione per gridare con forza che “A man is a man”, “Un essere umano è un essere umano” e, come tale, merita rispetto e accoglienza, chiunque esso sia”. 

Giornata mondiale delle persone con sindrome di down, al “Notarangelo-Rosati” momenti di festa e riflessione

In programma performance musicali a cura degli studenti, con la partecipazione di Riccardo Monopoli, Shirina Spagnoli e Vincenzo delli Carri. I presidenti delle associazioni AIPD Foggia, A.Fa.D. II Bell’Anatroccolo, iFun e ANPIS Puglia porteranno le proprie testimonianze. Appuntamento a martedì 21 marzo nell’Aula Magna della scuola.

Il 21 marzo sarà una giornata speciale al “Notarangelo-Rosati” di Foggia. In occasione della celebrazione della giornata mondiale delle persone con sindrome di down, a partire dalle ore 9.30, presso l’Aula Magna di Via Napoli n. 101, ci saranno momenti di riflessione e performance musicali a cura degli studenti, con la partecipazione di Riccardo Monopoli, Shirina Spagnoli e Vincenzo delli Carri.

Dopo i saluti della dirigente scolastica Irene Patrizia Sasso, interverranno Elisabetta Chiaromonte, presidente dell’AIPD Foggia; Patrizia Liquori, presidente di A.Fa.D. II Bell’Anatroccolo; Maurizio Alloggio, presidente di iFun e Antonio Lo Conte, presidente di A.N.P.I.S. Puglia.

Nel corso della mattinata, moderata dalla docente di materie letterarie Lucia Palmieri, Silvia Fasano, educatrice tiflologica, specializzata nelle minoranze visive, presenterà il libro multisensoriale “la Genesi”.

“La Giornata Mondiale delle persone con Sindrome di Down – sottolinea la dirigente scolastica, Irene Sasso – è stata indetta dall’Onu nel 2014 per promuovere l’inclusione nella società delle persone con sindrome di down. Questa giornata si svolge in tutto il mondo il 21° giorno del 3° mese per indicare l’unicità della triplicazione (trisomia) del 21° cromosoma che causa, appunto, la sindrome di down. Questa giornata serve a ribadire che il benessere di un figlio dipende anche dall’inclusione nella società e dalla possibilità di esercitare i propri diritti: una scuola di qualità, il giusto numero di ore di sostegno, i necessari interventi riabilitativi precoci, l’opportunità di trovare un lavoro”.

Un’iniziativa importante, dunque, per approfondire il tema dell’inclusione e alla cui organizzazione hanno collaborato la  prof.ssa Rosa Perna, la prof.ssa Tiziana Piazzola, il gruppo dell’inclusione e gli  assistenti  specialistici alla comunicazione.

“Il 21 marzo – spiega la docente Lucia Palmieri – è il primo giorno di primavera; è la giornata mondiale della poesia, ma anche la giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Il 21 marzo è la giornata mondiale alle persone con sindrome di down. Ebbene, celebreremo tutto questo. Durante la mattinata ci saranno momenti di riflessione e commozione, con testimonianze di alcune famiglie, ma anche spazi di festa e musica. Per l’”ITET Notarangelo-Rosati” sarà un’occasione per sottolineare la necessità di difendere i diritti delle persone con Trisomia 21, di creare una società inclusiva per tutti, indipendentemente dalle abilità o condizioni di salute, di aprirsi all’accoglienza e al rispetto dei più deboli con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica. In questa giornata ricorderemo anche lo scienziato Jérôme Lejeune, genetista e pediatra, colui che scoprì le cause della Trisomia 21 e le cui virtù eroiche sono state riconosciute dalla Chiesa Cattolica, che lo ha onorato del titolo di “Venerabile”. Sarà l’occasione per gridare con forza che “A man is a man”, “Un essere umano è un essere umano” e, come tale, merita rispetto e accoglienza, chiunque esso sia”. 

Post recenti

Leave a Comment