Addio anche a Insigne: va al Toronto

image_pdfimage_print

Stupido tu. Stupido io. Stupidi noi, tutti, nessuno escluso.
Noi, inguaribili romantici del calcio, abbiamo perso ancora una volta. La colpa, però, è la nostra. Ogni volta ci promettiamo di non doverci più credere e invece siamo lì, fermi e imperterriti, aspramente convinti che l’amore vinca su tutto e vinca anche nel calcio ma, in fondo, non ci abbiamo capito proprio nulla.
Se non sono bastati in totale 15 anni, una maglia cucita addosso come una seconda pelle e un popolo intero ai tuoi piedi, caro Lorenzo, per giurare amore eterno al tuo Napoli, noi non ci abbiamo capito proprio nulla.
Sotto il Vesuvio sei diventato un grande, un idolo, quasi l’erede del più grande, di Diego Armando.
Ma, in questa storia, i folli siamo noi che credevamo che saresti restato prima di apprendere che anche tu ti saresti venduto al potere del denaro pur consapevole di dire addio al calcio europeo, di farti man mano fuori dal giro della Nazionale che perde il suo dieci.
Insigne va al Toronto, il calcio romantico ha perso ancora e noi, inguaribili romantici, dobbiamo fare l’abitudine a una ormai triste e crudele realtà che vende i suoi sentimenti per due spiccioli, o forse più.

Post recenti

Leave a Comment