Le donne: i fiori della Terra…@Giovanna Pia Maggi

image_pdfimage_print

“Tutte le famiglie felici si somigliano; ogni famiglia infelice è invece disgraziata a modo suo.” Anna Karenina. L’incipit del capolavoro di Tolstoj ben si adatta alla grande disgrazia che ha colpito una famiglia iraniana il 16 settembre 2022 a Theran: la famiglia Amini. Quel triste giorno la famiglia di Amjad Amini è stata privata del suo fiore più bello, di Mahsa Amini. La storia di Masha è quella di una ragazza curdo-iraniana di soli 22 anni arrestata dalla polizia “morale” per non aver indossato correttamente il velo e successivamente, brutalmente uccisa. La sua morte è avvenuta a seguito di un coma provocato, a detta dei medici, da una violenta caduta. In Iran tutt’oggi si svolgono tante proteste guidate da giovani ragazze che desiderano far sentire la loro voce per rivendicare i propri diritti! Noi donne dei “Paesi sviluppati”, molti diritti, li abbiamo già conquistati: essi sono il frutto della lotta di molte donne coraggiose presenti nel mondo, pensiamo a Michelle Obama, Emilie Gourd e a molte altre…Nonostante le dure battaglie combattute nella storia, questi spiacevoli avvenimenti ci fanno capire che sono ancora tanti i traguardi da raggiungere! Tanti sono i diritti che ancora oggi vengono negati, specialmente nei Paesi più poveri, nei quali le donne non possono lavorare né possedere denaro né tantomeno esprimere la loro opinione e neppure essere rappresentate a livello istituzionale. Se pensiamo che a capo del nostro governo vi è una donna, noi, donne italiane, molte di queste possibilità già le abbiamo “conquistate”, ma in ogni caso è come se ne possedessimo solo una piccola parte proprio perché sono negati alle altre donne presenti sulla Terra. Ognuna ha il diritto di lavorare, di avere una propria stabilità economica, ma soprattutto di poter esprimere liberamente la propria opinione e il proprio pensiero! La donna è sofferenza, amore e umanità. Da questa “pioggia” di ingiustizie, le donne devono fiorire e crescere, fortificandosi, non come delle spighe di grano che si lasciano “distruggere” da essa, bensì come dei bellissimi fiori pronti a sbocciare tenaci. Proprio come le donne del passato, anche noi, oggi dobbiamo unirci a quel coro di voci che, purtroppo, ancora, non gode degli stessi diritti, per aiutarle a raggiungere questo importante obiettivo. “Vincere è una bella sensazione, ma vincere quando nessuno pensava che tu potessi farcela…è una sensazione speciale”. Ritu Ghatourey.

Post recenti

Leave a Comment