Ancora medici Eroi al tempo del Covid

image_pdfimage_print

IL 12 gennaio il dottor Alessandro Micai, medico in prima linea nella lotta al Covid, aveva appena terminato il turno di notte in ospedale a stava rientrando a casa, quando ha visto un’auto finire nel canale, lungo la strada provinciale 15, a Comacchio.

Senza pensarci troppo, ha fermato la macchina, è sceso e si è gettato nel fango e nell’acqua gelida.

All’interno dell’abitacolo dell’auto c’era una signora di 74 anni, già con il volto sott’acqua.

Dopo poco sono arrivati i soccorsi chiamati dai passanti e la nonnina ferita, che era stata adagiata sull’erba ai margini della strada, è stata trasportata in ospedale in elisoccorso all’ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna.

Sul posto sono giunti anche i vigili del fuoco del distaccamento di Comacchio e una squadra del nucleo sommozzatori di Ravenna per provvedere al recupero dell’auto, insieme ai carabinieri della stazione del Lido Estensi, intervenuti per effettuare i rilievi e capire le cause dell’incidente.

La signora, Nicoletta Spaviero 74enne di Comacchio, è una ex infermiera del posto ormai in pensione, apprezzata da tutti e soprannominata “nuvola”, è stata subito bene.

“Alla fine sono scoppiato a piangere. Ero completamente bagnato e sotto choc: è successo tutto in pochissimi minuti, sembrava una di quelle cose che succedono solo nei film. Ci ho messo un bel po’ prima di realizzare tutto quanto, mentre sul momento ho solo pensato che in quella situazione sarei potuto ritrovarmi io o un mio caro. A dire il vero -continua- inizialmente non sapevo neppure se in quell’auto ci fosse qualcuno che aveva bisogno di aiuto, ma non potevo restare fermo a guardare senza fare nulla”. Le parole di Alessandro alla sua prima intervista.

Il dottore eroe ha ricevuto i ringraziamenti ufficiali dal sindaco di Ferrara.

@Cristian de Filippo

Post recenti

Leave a Comment